Basket, serie B, Catanzaro – Chieti 58-85

Un plauso ai padroni di casa che lottano per trenta minuti a viso aperto salvo poi crollare fisicamente nell’ultimo quarto. Ponziani chiude in doppia doppia (20 e 11) seguito da Migliori (14), Staffieri (12), Meluzzi (12) e Di Carmine (10). Cocco regala la gioia finale con il suo primo punto in Serie B.

Gobbato e Gaetano battezzano bene la gara per i padroni di casa con soluzioni personali. Dopo però è puro controllo per l’Europa Ovini Chieti: Ponziani domina a rimbalzo (6) e, specialmente, sotto le plance contro Locci (9 punti con 4/4) mentre dall’arco Migliori e Gialloreto sono una sentenza. In un amen i teatini raggiungono la doppia cifra di vantaggio costringendo coach Furfari a chiamare timeout dopo la bomba di Staffieri (6-16). Alla ripresa dei giochi Catanzaro pesca Procopio dalla panchina che incanta con un paio di giocate al ferro meritandosi gli applausi del pubblico amico. Per il resto tutto nella norma con Commisso che sulla sirena accorcia le distanze con la sua prima tripla della serata (13-25).

La tenacia dei calabresi è ammirevole specie in attacco dove, ancora una volta, Gobbato con le penetrazioni e Gaetano in post basso partono forte. Ma gli sforzi dei singoli possono solo evitare che la partita venga chiusa subito (21-28 al 15’). Chieti, ovviamente, gestisce le forze e le energie mentali giocando senza forzature eccessive ma, non appena gli uomini di coach Coen alzano il ritmo, propongono una pallacanestro elegante ed efficace. Nonostante le rotazioni accorciate per l’assenza di Gueye, gli ospiti non faticano a trovare pronti tutti gli uomini chiamati in causa, in modo particolare Di Carmine e Meluzzi in questo secondo periodo chiuso con un gioco da tre punti di Staffieri (28-46).

Rientrati dalla pausa lunga, il livello della partita scende di molto e, con esso, anche la bellezza. La Mastria Vending continua a fare la sua gara trascinata da un Gaetano davvero in grande spolvero (13 con 6/8 in area) e da Lucci sempre pronto a capitalizzare i pick and roll (12 con 6/9). Chieti, invece, praticamente smette di giocare in difesa con dure ripercussioni anche nella manovra offensiva al punto che coach Coen ferma il tempo con poco più di due minuti da giocare e con gli avversari in rimonta (43-54). Con il minimo sforzo l’Europa Ovini ottiene il massimo risultato e distanzia di nuovo i padroni di casa (47-64).

Con un risultato ormai scontato, i calabresi gettano la spugna in segno di resa dando minuti preziosi anche alle riserve. Per la stessa scelta opta anche coach Coen che manda in campo Sigismondi e Cocco dopo aver piazzato un break cospicuo nell’ultima frazione con un Ponziani solido (20 e 12 rimbalzi) e con cinque uomini in doppia cifra. Successo avvalorato anche dal primo punto in Serie B per Daniele Cocco dalla lunetta che blinda il risultato tra gli applausi dei tifosi teatini accorsi in trasferta (58-85).

Parziali: 13-25; 15-21 (28-46); 19-18 (47-64); 11-21 (58-85)

Mastria Vending Catanzaro: Locci 17 (8/11, 1/2 tl), Dolce 4 (2/6), Procopio 8 (4/8), Commisso 5 (1/1, 1/2), Gaetano 13 (6/8, 1/3 tl), Gobbato 5 (1/2, 1/1), Klacar 2 (2/2 tl), Frascati, Scala, Malkic 4 (1/1, 2/2 tl). Coach Furfari.

Rimbalzi O/D 28, 6+22 (Gaetano 7), tiri da due 23/43 (53%), tiri da tre 2/6 (33%), tiri liberi 6/15 (40%)

Europa Ovini Chieti: Gialloreto 5 (1/2, 2/2 tl), Di Carmine 10 (4/7, 2/2 tl), Di Emidio 5 (2/2, 1/1 tl), Ponziani 20 (9/10, 2/6 tl), Migliori 14 (2/5, 2/5, 4/4 tl), Milojevic 6 (3/3), Staffieri 12 (1/2, 3/4, 1/1 tl), Meluzzi 12 (1/4, 3/6, 1/2 tl), Sigismondi, Cocco 1 (1/2 tl). Coach Coen, Ass. Coach Perricci.

Rimbalzi O/D 26, 6+20 (Ponziani 11), tiri da due 22/37 (59%), tiri da tre 9/23 (39%), tiri liberi 14/20 (70%)

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.