L’Aquila, un anno di reclusione e multa per un 36enne

Il Tribunale ha condannato a un anno di reclusione un giovane aquilano per prelievi non autorizzati per circa 12mila euro dal conto della suocera del fratello.
Il Tribunale dell’Aquila, nella persona del giudice, il dottor Giuseppe Romano Gargarella, ha condannato in primo grado A. D., 36 anni, già noto alle forze dell’ordine per reati simili, per aver effettuato prelievi tramite home banking per circa 12mila euro dal conto corrente della suocera del fratello.
L’uomo è stato riconosciuto colpevole, nonostante la querela di parte sia stata ritirata con la restituzione dei soldi sottratti alla parte offesa.
La tipologia di reato, infatti, prevede il procedimento d’ufficio, che ha portato alla condanna a un anno di reclusione e alla multa di 1200 euro.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.