26 Febbraio 2024

TG Roseto

Notizie locali Abruzzo e nazionali – Informazione in tempo reale

Teramo, teatro con Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci

Mariangela D'Abbraccio

Un classico senza tempo e senza età quello che sarà in scena al Teatro Comunale di per la Stagione di Prosa 2019/2020 di Acs e Riccitelli.
“Un tram che si chiama desiderio”, uno dei lavori più intensi e struggenti di Tennessee Williams, affidato alla recitazione di Mariangela D'Abbraccio e di Daniele Pecci, è in programma giovedì 27 febbraio alle ore 21 e venerdì 28 alle ore 17 per il turno pomeridiano e alle 21 per l'ultima replica.
La regia è di Pier Luigi Pizzi.
La leggenda vuole che fosse proprio su un tram, su cui girovagava da studente, che il giovanissimo Tenessee Williams si facesse l'idea di un dramma che svelava il lato oscuro del sogno americano.
Questa storia divenne poi il suo capolavoro, una pietra miliare del teatro e del cinema. La narrazione alza il velo sulla macchina oppressiva della famiglia, dell'anima ipocrita dei pregiudizi, la feroce stupidità delle paure morali.
Il dramma, premio Pulitzer nel '47, mise per la prima volta l'America allo specchio su tematiche scottanti come omosessualità, sesso, disagio mentale, famiglia come luogo non proprio raccomandabile, maschilismo, femminilità maltrattata, ipocrisia sociale.
Blanche, nella splendida interpretazione di Mariangela D'Abbraccio, è alcolizzata, vedova di un marito omosessuale, e cercherà, fallendo, di ricostruire un rapporto salvifico con Mitch, amico di Stanley, uomo rozzo e volgare e marito della sorella di Blanche, impersonato da Daniele Pecci nel ruolo che fu, tra gli altri, di Marlon Brando.

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie