18 Luglio 2024
Politica Abruzzo

Coronavirus, Luigi D’Eramo: “Chiudere tutto”

coronavirus chiuso

“Accogliamo con favore le restrizioni ulteriori adottate di recente, ma siamo convinti non siano ancora sufficienti.
La Lega ribadisce la sua posizione: chiusura totale per tutto ciò che non essenziale”
Lo dice il coordinatore abruzzese del partito, il deputato Luigi D’Eramo.
“Bene hanno fatto alcuni sindaci – dice D’Eramo – ad adottare provvedimenti che limitano ulteriormente la possibilità di uscire senza reali necessità.
Ma serve uno sforzo ulteriore e decisivo.
I contagi crescono, anche in Abruzzo, e il sistema sanitario fa fatica a reggere l’urto.
Chiediamo al presidente della Regione Marco Marsilio di adottare tempestivamente un’ulteriore ordinanza che estenda la “zona rossa”, partendo dal Comune di Penne e valutando la situazione in tutti i comuni dell’area vestina alcuni dei quali oggi costituiscono un’emergenza regionale”.
“Siamo convinti – aggiunge D’Eramo – che oggi non vi siano zone più al riparo di altre.
Anzi: dove il contagio non si è ancora diffuso è fondamentale che si adottino le stesse restrizioni, in chiave preventiva.
Sarebbe un errore fatale pensare di allargare le maglie laddove i numeri sono ancora bassi, per questo chiediamo che si provveda anche alla chiusura della grande distribuzione la domenica”.
Infine D’Eramo insiste sulla necessità di effettuare tamponi a tappeto: “Partire dagli operatori sanitari e dalle forze dell’ordine e poi proseguire sulle altre categorie, estendendo i test più possibile. Solo così si potrà contenere la diffusione dell’epidemia”.

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie