tari

A Roseto degli Abruzzi, il sindaco Sabatino Di Girolamo a seguito di un conteggio più analitico e meticoloso delle somme messe a disposizione dal Governo per aiutare le attività a riprendersi dalla crisi indotta dalla pandemia, comunica che l’amministrazione si accinge a deliberare ulteriori sgravi Tari già accordati circa un mese fa alle utenze commerciali e in generale a tutte le utenze non domestiche.
In particolare la tariffa variabile tari sarà così ridotta:

  • del 100% a favore di agenzie viaggio, sale giochi e scommesse, impianti sportivi, palestre, biblioteche, scuole e musei.
  • dell’80% (inizialmente era del 50%) di ristoranti, pizzerie, trattorie, pub, birrerie, bar, pasticcerie.
  • del 40% (inizialmente era del 30%) a favore di cartolerie, librerie, calzature, ferramenta, negozi di tessuti
  • del 30% (inizialmente era del 20%) ad alberghi con e senza ristorante e auto-saloni
  • del 10% a favore di uffici e studi professionali, barbieri, estetisti, parrucchieri, attività artigianali, autofficine, carrozzerie, elettrauti, distributori carburante

Si procederà inoltre a sgravare del 90% anche la parte fissa della tariffa, a favore di agenzie di viaggio, sale giochi e scommesse, impianti sportivi e palestre, musei, biblioteche.
“Facciamo un ulteriore passo grazie alle misure del Governo nazionale – dichiara il sindaco – in auto delle categorie tanto colpite dalla pandemia, e modulando gli sgravi a seconda del protrarsi delle chiusure, riconoscendo il massimo di riduzione (finanche sulla quota fissa) alle categorie più colpite. Questi interventi si aggiungono agli interventi che potremo effettuare a favore delle famiglie anche con riferimento ad eventuali difficoltà nel pagamento delle utenze, tra cui appunto la Tari. Per i nuclei familiari in difficoltà infatti potremo attingere al Fondo contro la povertà che è stato recentemente assegnato dal Governo”.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.