Roseto, minoranza esprime solidarietà alla dirigente Anna Elisa Barbone

scuola
Photo by Pixabay on Pexels.com

Arrivato nella redazione di TgRoseto un comunicato stampa a firma di tutti i consiglieri di minoranza del Comune di , Teresa Ginoble, Rosaria Ciancaione, Sabatino Di Girolamo, Giuseppe Bellachioma, Francesco Di Giuseppe e Nicola Petrini inviato per stigmatizzare il comportamento del Sindaco Nugnes nei confronti della Dirigente scolastica Professoressa Barbone.
Di seguito riportiamo integralmente il comunicato.
“Stigmatizziamo con forza il comportamento di Mario Nugnes che evidentemente, dopo cinque mesi, non ha ancora compreso che essere Sindaco vuol dire rappresentare una città e non se stesso.
I consiglieri di minoranza sono uniti e compatti nel condannare le parole che il sindaco Nugnes e la sua amministrazione hanno rivolto alla Dirigente dell’IC Roseto 2, Prof.ssa Anna Elisa Barbone, accusata, tra le altre cose, di aver avuto scarso rispetto e considerazione nei suoi confronti, mettendo così in discussione la credibilità di una professionista stimata ed apprezzata cui compete peraltro di rappresentare gli organi scolastici.
Entrando nel merito della questione, la cosa che lascia interdetti è il fatto di aver appreso dalla stampa che non solo noi consiglieri non siamo stati messi nelle condizioni di dare un contributo di idee sul progetto da presentare che, per quanto ci riguarda avrebbe dovuto interessare scuole che sono ridotte davvero male, come ad esempio la scuola D’Annunzio, ma, addirittura, non sono state coinvolte la scuola e la Comunita educante attraverso un “processo di informazione della proposta, al fine di consentire che in caso di finanziamento, il successivo percorso attuativo sia condiviso e partecipato”, come espressamente previsto dal bando del PNRR. Questa è una condizione essenziale per accedere al finanziamento, così come lo è la descrizione dei fabbisogni da definire di concerto con la direzione scolastica coinvolta, oltre che per stabilire corretti rapporti con le istituzioni e con la città.
Davvero, questo modo di fare non solo non può rappresentare la svolta ma addirittura è offensivo dell’intelligenza delle persone perché colpisce oltre alla Dirigente (cui va la nostra piena solidarietà) l’intera comunità rosetana e rischia di avere l’effetto di perdere la possibilità di finanziamento di fronte ad un patrimonio scolastico che ha bisogno davvero di essere riqualificato.
D’altronde è pur vero che invece di pensare ad organizzare al meglio le attività istituzionali, la nuova amministrazione preferisca perdersi in fiumi di parole da dare in pasto alla stampa. Chissà, evidentemente è convinta, anche qui senza rispetto, che impegnando questi spazi le persone si convincano della giustezza di certe scellerate scelte a dir poco sbagliate per la città”.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.