Roseto, decennale festival United Colors Of Photography 2022

ucop roseto

Nella città adriatica di è tutto pronto per la decima edizione del Festival Nazionale della Fotografia – United Colors Of Photography.
Tantissime le novità che si aggiungono alla collaudata e conosciuta manifestazione fotografica nazionale. Programmate anche le date che sono quelle d’inizio del 6 ottobre fino a quella della chiusura decisa per il 9 ottobre. La location sempre la stessa, quella della prima edizione che risponde al nome dell’Hotel Bellavista di Roseto degli Abruzzi (Lungomare Trento 75).
L’evento del 2022 come anticipato si presenta agli appassionati più ricca e completa del solito, con un programma denso di speciali attività e ospiti di fama mondiale.
Dalla segreteria organizzativa ci informano che sarà una quattro giorni intensi, che appagheranno di certo le aspettative degli appassionati di fotografia e, quest’anno grande novità, anche gli appassionati di arte e in particolare la pittura e la scultura.
Nel programma si trovano workshop interessanti e unici, che si susseguiranno nei 4 giorni del festival nazionale fotografico.

Il Fotografo Saro Di Bartolo dona alle scuole di Roseto degli Abruzzi una mostra permanente di opere fotografiche che portano la sua firma e quella di Simon Lister.
Alla mostra del decennale 2022 ci sarà il ritorno di un grande fotografo italiano, Saro Di Bartolo, che ha voluto fortemente, per conto della Besharat Art Fundation, tramite il progetto “Art in the Schools”, di cui è ambassador, donare alle scuole di Roseto degli Abruzzi, una mostra permanente di opere fotografiche sue e di Simon Lister, un fotografo di fama mondiale.
Saro Di Bartolo, lo ricordiamo, espone le sue opere per la Besharat Art Fundation anche a fianco di Steve McCurry, David Lazar e Hartmut Schwarzbach.
L’idea di donare una mostra permanente alle scuole di Roseto degli Abruzzi è stato attuato solo in pochissimi istituti italiani e nel mondo.
La stessa mostra di 60 opere prima di orendere posto nelle scuone rimarrà esposta durante le giornate della manifestazione.
Saro Di Bartolo è autore di numerosi reportage in tutto il mondo tra cui spicca una delle sue ultime produzioni “Bangladesh”. È stato inoltre traduttore ufficiale a fianco di personaggi del calibro di Christian Barnard, George Bush, Mikhail Gorbaciov, Henry Kissinger, Javier Perez de Cuellar, Sting e tantissimi altri.
Le sue immagini si distinguono per il valore compositivo, lo scrupolo nella ricerca dell’inquadratura migliore, la cura di ogni dettaglio. Nel corso dei suoi viaggi ha raccolto un ricco patrimonio d’immagini, frutto d’intuizione e sensibilità. Quando la fotografia raggiunge tali livelli, diventa pura espressione artistica.

Fotografia, pittura e scultura
Una performance insolita e di forte impatto emotivo, sarà presentata durante le giornate del Festival dal fotografo napoletano Enzo Truppo e dall’artista scultore e pittore Alessandro Flaminio, anch’esso partenopeo.
Truppo fa del suo lavoro una vera e propria ricerca antropologica, scavando in profondità alla ricerca della bellezza. Attraversa la sfera umana, dedicando la sua attenzione a quella parte più intima e pura celata dietro l’apparenza. La sua fotografia è un continuo viaggio di luce attraverso le ombre.
Il maestro Alessandro Flaminio è uno dei nomi di spicco tra gli artisti contemporanei, attivo nella realizzazione di opere d’arte che spaziano dalla pittura alla scultura, finanche ai gioielli.
Dal connubio tra i due artisti scaturisce una performance nella quale la figura umana si amalgama con la pittura e la scultura attraverso pose, movimenti di danza e musica sapientemente miscelati e modellati dalla luce, il cui risultato finale è racchiuso in uno scatto fotografico potente e armonioso.

Altri relatori della quattro giorni fotografica di Roseto degli Abruzzi sono:
Giovanni Albani Lattanzi: fotografia di paesaggio con uscita a Campotosto e post-produzione Landscapes.
Emanuele Brizioli: Fotografia Astronomica teorica e pratica.
Francesco Pierini: Fotografia di Hiking nei calanchi rosetani al tramonto e in spiaggia all’alba.
Marcello Machelli: Fotografia di Still-Life.
Domenico Addotta e Paolo Pettigiani: Fotografia all’infrarosso.
Betty Colombo e Rory Cappelli: Fotogiornalismo oggi.
Ivan D’Antonio: Movie Production.
Alessandro Trovati (Canon Ambassador): Fotografia Sportiva, con la partecipazione della ASD Scuola Karate Italia Hombu Dojo di Mosciano S. Angelo.
Raffaele Ingegno: Fotografia di Ritratto in studio e in esterno.
Marco Cimorosi: Urban Photography.
Francesco De Marco: Food Photography.
Simone Durante: Video Making.
Giovanni Giuliani: Architetture Photography.
Durante le quattro le giornate, su prenotazione, sarà prevista la lettura portfolio a cura di Enzo Maniccia.

Esposizioni personali e collettive di Fotografia, Pittura e Scultura
All’interno della manifestazione dal 6 al 9 ottobre ci saranno esposizioni personali e collettive di Fotografia, Pittura e Scultura:
Spiritum, di Enzo Truppo e Alessandro Flaminio (fotografia e scultura).
Sisters, di Saro Di Bartolo.
Faces of Innocence, di Saro di Bartolo e Simon Lister.
L’Anima del Corpo, di Betty Colombo.
Reinassance, di Raffaele Ingegno.
Guardo, Osservo, Scatto… quindi sono, di Giovanni Giuliani.
Urban, di Marco Cimorosi.
Contrasti Radioattivi, di Paolo Laddomada.
Urban Infrared, di Domenico Addotta.
Infraland, di Paolo Pettigiani.
Lanscape Visions, di Domenico Addotta.
Common People, di Gaetano La Rocca.
Particolori, di Fabrizio Bonatti.
Il mondo sul palcoscenico del Salotto di Milano, di Ennio Vicario.
Paesaggi Alternativi, di Giovanni Albani Lattanzi.
Mostra fotografica collettiva.

Mostre di Pittura di:
Luciano Astolfi, Lucio Monaco, Roberto Di Giandomenico.
Mostra di Pittura collettiva.

Durante la cena di gala di sabato 9, saranno presentati gli ospiti e premiati i vincitori del contest legato alla fotografia di paesaggio.
Saranno presentati sei libri fotografici.

All’interno del festival sarà possibile testare numerose attrezzature fotografiche e accessori tra cui molte novità messe a disposizione da Canon Italia, Universo foto, Toscana Foto Service e Simon Service.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.