A Silvi e Pineto SPAMI Kick Off meeting dell’ONU

Firma gemellaggio AMP Torre del Cerrano

Martedì 26 febbraio 2019 si è svolta nell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano un importante incontro tra molte altre aree protette del Mediterraneo selezionate dall’ufficio SPA-RAC (Special Protected Areas – Regional Activity Center) dell’UNEP-United Nations Environmental Programme, che sarebbe il dipartimento di tutela dell’ambiente dell’ONU, mentre il giorno successivo, mercoledì 27 febbraio 2019, la delegazione ha svolto una visita all’Area Marina Protetta ed al Museo del Mare di Torre Cerrano accompagnata dal Direttore con Guide del Cerrano a supporto anche per le varie lingue utilizzate (Francese e Inglese in particolare).

Firma gemellaggio AMP Torre del Cerrano
Il momento della firma per il gemellaggio

Tutta l’organizzazione di questo incontro è stata seguita dagli uffici di Tunisi dell’UNEP che ha scelto per il seminario e l’accomodation presso l’Abruzzo Marina Hotel di Silvi mentre si è rivolta all’Associazione Guide del Cerrano per l’assistenza nel “Field Trip”, l’uscita in ambiente.
E’ stato un appuntamento importante che ha visto presenti in tre giorni (25-26 e 27 febbraio 2019), nell’AMP Torre del Cerrano, le maggiori autorità in tema di aree marine protette a livello internazionale con Gaetano LEONE, coordinatore dell’UNEP/MAP e Khalil ATTIA Direttore dell’UNEP RAC/SPA, compresi, per l’Italia, la Direttrice Generale del Ministero dell’Ambiente, D.ssa MariaCarmela GIARRATANO, i due dirigenti dei settori Aree Protette, Dr. Antonio MATURANI, e Cooperazione Internazionale, Dr. Oliviero MONTANARO, il Responsabile Mare dell’ISPRA, Dr. Leonardo TUNESI e, non ultimo, il Contrammiraglio (CP) Aurelio CALIGIORE, comandante del Reparto Ambientale Marino della Guardia Costiera- Corpo delle Capitanerie di Porto.

Durante la giornata dei lavori del 26 febbraio, come da programma, sono stati sottoscritti gemellaggi tra quattro coppie di Aree Marine Protette mediterranee tra cui l’AMP Torre del Cerrano che ha siglato il gemellaggio con l’omologa e simile area marina protetta slovena di “Strunjan”. I lavori sono rivolti allo scambio di esperienze, alle progettualità congiunte ed alla valorizzazione del riconoscimento principe per le aree protette denominato SPAMI-Special Protected Areas of Mediterranean Importance, certificazione rialasciata, appunto, dall’UNEP.Il gemellaggio prevede nello specifico lo sviluppo di progetti congiunti tali da poter usufruire dell’esperienza di ciascuna area protetta. Per l’AMP Torre del Cerrano si avrà un supporto importante sulla gestione della Piccola Pesca artigianale che a Strunjan è gestita con modalità avanzate e funzionali, mentre di converso, sarà l’esperienza sul Turismo Sostenibile, soprattutto sulla CETS e il DestiMED, l’esperienza trasmessa da e Silvi verso Isola e Piran, le località slovene dove ha sede il parco di Strunjan.

La visita guidata di mercoledì è stato un primo importante approccio, allargato a tutti i partecipanti al meeting, per descrivere come funziona il sistema integrato di fruizione turistica sostenibile dell’AMP Torre del Cerrano: Ciclabile con punti sosta e ricarca con pensiline fotovoltaiche; Info-Point sulla spiaggia con attività di snorkeling e campo boe, Torre Cerrano con Museo e Biblioteca del Mare, Punto di Ecoristoro e area eventi, Dune delimitate e passerelle per le attività di balneazione, etc.. L’apprezzamento è stato unanime da parte di tutti i partecipanti ed un importante elemento positivo è stato il riconoscimento da parte dei funzionari del Ministero sul come sono state ben investite le risorse da loro curate.Durante la visita, inoltre, i partecipanti al meeting hanno potuto vedere le guide all’opera durante una usuale attività di educazione ambientale, essendo stata programmata da prima, per la giornata del 27 febbraio, una visita al Museo del Mare di una scuola con oltre 30 studenti. Molto apprezzata anche tale attività portata avanti con competenza dall’Associazione Guide del Cerrano.