Gran Sasso in pena per alpinista Daniele Nardi

Scattato il piano B dell’alpinista Txikon che con tre droni sta cercando di sorvolare la zona dello Sperone Mummery alla ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard, i due alpinisti che sono dispersi sull’Himalaya da domenica.

Daniele Nardi, un profondo conoscitore del Gran Sasso teramano.
Nardi amava il Gran Sasso, e a raccontarcelo è Paolo De Luca, maestro di Sci e accompagnatore di media montagna, che alla redazione de IlCapoluogo.it spiega:

“Daniele è un profondo conoscitore del Gran Sasso – racconta De Luca – In estate incontro spesso Daniele al piazzale dei Prati di Tivo ( Teramo), mentre si prepara per raggiungere la parete da scalare o lungo il sentiero di avvicinamento alla “via” che ha deciso di attaccare”.

“Daniele Nardi ha effettuato sia l’apertura di nuove “vie” di arrampicata al difficile Paretone del Gran Sasso (clicca qui per approfondire), sia la ripetizione di importanti “vie” di arrampicata sempre sulla parete est del Corno Grande del Gran Sasso d’Italia .
Per le sue spedizioni alpinistiche in Himalaya Daniele Nardi si allenava anche in Abruzzo, sul Gran Sasso d’Italia….con la speranza che il Gran Sasso aiuti ora Daniele a superare questo suo momento difficile, perché il mondo intero è in ansia per lui!”

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.