15 Aprile 2024

TG Roseto

Notizie locali Abruzzo e nazionali – Informazione in tempo reale

Pescara, Telethon, cuori di cioccolato della solidarietà

In Corso Umberto a il 4 e il 5 maggio torna “Io per lei”, la campagna di primavera di Fondazione Telethon e Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, per supportare la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare e l'assistenza alle persone con patologie neuromuscolari.
La campagna ha un grande obiettivo comune: la lotta alle malattie genetiche rare.

“Fondazione Telethon è da anni al fianco di chi vive con una malattia genetica rara, attraverso una ricerca scientifica di eccellenza che ha permesso di curare patologie insidiose, troppo spesso trascurate proprio a causa della loro rarità. Tutto ciò avviene grazie al supporto degli italiani che, con le donazioni, ci permettono di continuare a tenere fede al nostro impegno verso chi affronta le difficoltà di una malattia genetica rara e le loro famiglie – commenta Francesca Pasinelli, direttore generale di Fondazione Telethon – La Festa della Mamma è una ricorrenza in cui ognuno di noi rivolge un pensiero a tutte quelle donne che nelle nostre vite rappresentano un punto di riferimento: la campagna ‘Io per Lei' è dedicata proprio alle ‘mamme rare' che ogni giorno combattono con forza per il futuro dei loro bambini”.

A Pescara sarà allestito un banchetto dove i volontari di Fondazione Telethon e Uildm, Avis, Anffas e Unpli distribuiranno i Cuori di Biscotto,in prossimità di una ricorrenza importante come quella della Festa della Mamma.

“Con il nostro impegno per la Campagna di primavera – dichiara Marco Rasconi, presidente nazionale Uildm – vogliamo mettere in luce l'importante ruolo della ricerca che, insieme al lavoro delle associazioni a livello territoriale, ha permesso di raggiungere risultati inattesi nel miglioramento della qualità della vita delle persone con patologie neuromuscolari. Chi convive con una patologia neuromuscolare può vivere più a lungo, può stare bene, lavorare, diventare genitore. Può fare volontariato e impegnarsi nella società a tutti i livelli. Non è più identificabile solo con la sua malattia. Quando ciò non accade la persona perde una parte di sé e al tempo stesso la società perde l'occasione di crescere e cambiare il proprio punto di vista”.

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie