Pratola Peligna, salvato cucciolo husky abbandonato in un pozzo

husky
husky

Giaceva probabilmente da giorni in fondo a un pozzo artigianale in disuso nella periferia di (L’Aquila), della profondità di circa un metro.
Alcuni passanti hanno notato il simil husky in difficoltà chiamando il Movimento Animalista de L’Aquila che è subito intervenuto per recuperarlo, rifocillarlo, e prenderlo in custodia: spaventato ma non ferito, è ora al sicuro.

La responsabile provinciale del Movimento, Antonella D’Amato, ha subito contattato la polizia municipale per verificare se fosse stata sporta denuncia di smarrimento, ma con esito negativo.
Non è chiara, al momento, la reale dinamica dei fatti: incidente (poco probabile, visto che nelle immediate vicinanze del “pozzo” è stata trovata una copertura rimossa), abbandono o atto di crudeltà?

“Il randagismo è una piaga ancora fuori controllo nel territorio Marsicano e della Valle Peligna, per varie ragioni: politiche approssimate ed infruttuose degli enti locali, fattori culturali, sociali ed economici che si sono aggravati dopo gli eventi sismici del 2009 “ – spiega Antonella D’Amato – “Qualcosa sta iniziando a muoversi grazie al progetto ‘Cerco casa, sono un randagio’, attivato a partire nel luglio 2019, ma la situazione è ancora allarmante.
Anche il Comune di Pratola Peligna sta tentando una nuova politica informativa e d’intervento, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica a un corretto rapporto uomo e animale, ridurre il fenomeno del randagismo e incoraggiare l’adozione dei cani randagi.
A tal fine è stato redatto a gennaio un protocollo d’intesa tra il Comune e la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila denominato “Comune a quattro zampe”, grazie all’iniziativa del Sindaco Antonella Di Nino, del responsabile del Servizio Veterinario di Sanità Animale della Asl1 Mario Mazzetti, della polizia municipale e dei volontari presenti sul territorio”. L’emergenza Covid ha purtroppo impedito, di fatto, l’avvio del progetto.
“Si tratta di un’ottima iniziativa – afferma la D’Amato – “ma ora è necessario ripartire, e chiedo al sindaco Antonella Di Nino una piena attuazione di un progetto che può funzionare molto bene solo se si punta su un costante dialogo, confronto e collaborazione tra istituzioni, associazioni e cittadini.
Il Movimento animalista de L’Aquila è pronto a fornire il proprio contributo”.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.