Roseto, a proposito del centro del riuso

centro riuso

Riceviamo in redazione una lettera di sfogo del comitato del no al centro del riuso a firma della presidente del comitato Monia Peraccia che vi riportiamo di seguito.

“Il comitato No al centro raccolta rifiuti nel cuore della Cittadella dello sport, vuole ricordare che ci sono oltre 1300 firme depositate in Comune di rosetani hanno detto No ai due centri del riuso e dei rifiuti nella zona sportiva, commerciale e densamente abitata di Fonte dell’Olmo.”
I due centri, inoltre, sarebbero a soli 22 metri dal Sanstefar, con 50 dipendenti, circa e 400 persone al giorno che si recheranno al centro Sanitario e molte altre nella palestra che sarà realizzata nella stessa struttura.
Non si capisce che si sta rischiando di brutto.
Ma qualcuno pensa veramente che questa gente investa i propri soldi lì, a 22 metri dal centro rifiuti?
Ma dai, cerchiamo di essere logici e obiettivi!
Vogliamo ancora una volta ripetere che non siamo contro il progetto ma contro il sito scelto perché si potrebbe avere sia lo sviluppo della zona sportiva di Fonte dell’Olmo sia la realizzazione dei centri raccolta rifiuti e riuso.
Invece, insistendo sulla collocazione sbagliata, si preclude un possibile e armonico sviluppo della zona di Fonte dell’Olmo, allontanando realtà che potrebbero solo portare servizi e benessere.
E ci stupisce come ci siano persone che dopo aver condiviso con noi tutte le criticità della collocazione in quella zona dei due centri, oggi abbiano cambiato idea affermando cose che non rispondono ai progetti approvati, su cui nel frattempo la provincia sta guardando se c’è la compatibilità con il piano territoriale provinciale.
Vogliamo anche ricordare che il progetto è stato visionato in tutte le sue criticità da più persone prima di iniziare la protesta cittadina.
Qui nessuno ha tempo da perdere ma un pezzetto del nostro tempo lo vogliamo utilizzare bene, perché abbiamo a cuore Roseto.
Riguardo alla fruibilità, questo centro sarebbe collocato all’ingresso sud della cittadina lontano dalle frazioni e da Roseto nord.
Roseto non è Roma e neanche Londra, noi abbiamo zone adatte e predisposte a soli 3 km dalla costa che avvicinano tutti i cittadini, comprese le frazioni.
Infine, a qualcuno che si alza la mattina per criticare il lavoro degli altri concittadini che fortunatamente hanno una visione diversa della propria Città, direi che dovrebbe farsi un esame di coscienza, mettere da parte i propri interessi e aprire la mente”.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.

Commenta la notizia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: