19 Maggio 2024

TG Roseto

Notizie locali Abruzzo e nazionali – Informazione in tempo reale

Roseto, De Bonis scrive il testo di “Virus e curòna”, Falasca compone la musica

Virus e curòna

Il dott. Mario De Bonis, da sempre sul tema e attento alle sorti dei tempi che cambiano e che ci circondano, ancora una volta prende una curiosa e inedita simpatica iniziativa.
Lo scrittore presidente dell’Associazione dal Vesuvio al Gran Sasso e presidente onorario del Premio Letterario Cologna 2020, ha voluto rivolgersi direttamente alla Madonna per informarla di ciò che accade qui sulla terra.
Questa volta Mario De Bonis ha pensato di creare un testo scritto con versi poetici in dialetto napoletano dedicato al tema del Covid-19 a cui ha dato il nome di “Virus e curòna”.
Lo stesso testo è stato poi musicato dal maestro Daniele Falasca.
Pubblichiamo di seguito il testo integrale dei versi, che come specificato dal De Bonis per “corona” si intende quella benedetta, che deve contrastare contro il “virus” maledetto, inoltre nella sua nota ci fa sapere che “Andrà tutto bene, speriamo!”

Madonna santa, tu ca sì “a mamma
‘e tutt ‘è mamme’ e chistu munno,
stamm ‘ a sentì, ascolta sta preghiera!
Arravuoglie sempe cu nu mant’ e bbene
a casa e a vita ‘e tutt’o popolo d’a terra?
Si simm tutti figli tuoi, ci tieni sempe
scritti tutti quanti rint’o core?
Io, po, da quann’ero guaglione, aggio
mparato a te purtà rispetto e devuzione,
a te venì a pregà ogni dummeneca
e farme almeno a Pasca a cummuniòne.
però, nun te cunsidero cchiu mamma!
E’ sulo nu pensiero, nun è najastemma!
Permiette a nu virus maledetto
‘è piglià nomme della tua corona benedetta,
ca noi usammo sempe pe to venì a pregà,
mentr’isso ‘a tene pronta sulo pe ce stramazzà!
Ma chesto è contr’ ogni legge di natura!
ìA gennte perd ‘a fede, te no adduone?
Si po ti siente ancora mamma ‘o veramente,
e nun te scuorde mai di tutti noi,
fà ascì pe tutti quanti nu poc ‘e sole,
stènne na mano a chi è addulurato!
e pò, pe l’eventuale nostro ultimo viaggio,
o finale, aiutaci a preparà i documenti:
c’ò visto tuo ncoppì a ogni passaporto,
pe noi, d’o paradiso sìarraperanno ‘e pporte!
Rint ‘a sto munno, scrrrupàto e scuro,
‘a speranza e ‘a luce rieste sulo Tu!

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie