Giulianova, Amicacci attende Cantù

amicacci
amicacci

Prosegue il percorso della Deco Group Amicacci nei play-off di Serie A: dopo aver superato Bergamo nei quarti di finale la squadra giuliese incontra sulla sua strada la UnipolSai Briantea84 Cantù, in quella che è ormai una classica del in carrozzina italiano. Si gioca al meglio delle due gare (in caso di parità conta la differenza punti), con l’andata che vede l’Amicacci impegnata in casa domani (sabato 27 marzo alle 15) al PalaMaggetti di Roseto degli Abruzzi. L’indisponibilità del Palacastrum di , comunicata a pochi giorni dalla partita dall’amministrazione comunale, ha costretto a un cambio di sede dell’ultimo minuto, grazie all’intervento risolutivo dell’assessore allo sport Persiani e la gentile concessione dell’impianto da parte del Comune di Roseto.

La Briantea84 è un avversario ostico, che ha concluso al primo posto il Girone B a punteggio pieno, con un roster di alto livello e collaudato, confermato rispetto alla scorsa stagione. Tanta la qualità e l’esperienza, a cominciare dagli azzurri Giulio Maria Papi, Filippo Carossino, Jack Geninazzi e l’ex giuliese Simone De Maggi, insieme al talento dei due argentini Adolfo Damian Berdun e Carlos Alberto Esteche. L’Amicacci, che arriva a questo impegno con una settimana di riposo in più, può contare sullo stato di forma di Raimund Beginskis, miglior marcatore della squadra, insieme al solito apporto a 360° di Galliano Marchionni, mentre sottocanestro sono chiamati a una prova super gli esperti Matteo Cavagnini e Morteza Gharibloo, contro i più giovani lunghi canturini.

La sfida contro Cantù sarà in diretta streaming sul canale youtube e sulla pagina facebook ufficiali dell’Amicacci Giulianova. La gara di ritorno è in programma sabato 3 aprile al Palasport di Meda (MB). L’altra semifinale scudetto sarà invece tra Padova Millennium e Santo Stefano Avis.

Foto: Daniele Capone

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.