rapagna

Montepagano di Roseto degli Abruzzi, grazie al suo sarto Altobrando Rapagnà tra i grandi nomi della sartoria mondiale. Il libro del giornalista Giampiero Castellotti “Sebastiano Di Rienzo, maestro del fashion internazionale” di De Luca editori d’arte, parla dei sarti abruzzesi protagonisti in tutto il mondo
Il libro narra della realtà sartoriale del grande maestro, Sebastiano Di Rienzo, originario di Capracotta, che ha vestito attrici come Maria Grazia Cucinotta, Brit Ekland, Sabrina Ferilli, Alice e Ellen Kessler, Virna Lisi, Sophia Loren, Silvana Pampanini. Dalla Maison Valentino in qualità di tagliatore, per anni presidente dell’Accademia nazionale dei sartori.
Nel libro di Giampiero Castellotti, Di Rienzi ricorda diversi sarti abruzzesi.
Tra i nomi della sartoria italiana quello di Ciro Giuliano fornitore di Palazzo Chigi.
Altro nome dell’alta sartoria, quello di Domenico Caraceni, da Ortona a Mare, che ha vestito Gianni Agnelli e Aristotele Onassis.
Lo stilista Nazareno Fonticoli, classe 1906, di Penne, uno dei proprietari della Brioni, insieme a Gaetano Savini.
Presenze di grandi talenti abruzzesi come Mario de Luca, uno dei rappresentanti del “Made in Italy” sartoriale a Parigi.
Ricordato anche Domenico Facciolini di Teramo.
Sempre nel libro una foto ritrae Aldobrando Rapagnà di Montepagano di Roseto degli Abruzzi, il Maestro sarto che ha lavorato con ago e filo fino a 103 anni,
Vogliamo riportare il testo di un articolo scritto nel giorno in cui nel 2014 lo stesso Sebastiano Di Rienzo consegnò il Diploma accademico di Maestro Sarto. Qui di seguito il testo: ” L’Accademia Nazionale dei Sartori di Roma, su invito dell’Assosarti Teramo, conferisce al decano dei sartori italiani, il Maestro Altobrando Rapagnà, classe 1909, il Diploma accademico onorario consegnato dal Presidente Sebastiano Di Rienzo e dal Consigliere nazionale Domenico Facciolini, vincitore delle Forbici d’Oro e del XXIX Congresso Mondiale dei Sarti a Parigi. Alle soglie del suo 106mo genetliaco, il Maestro Sarto Altobrando Rapagnà è stato premiato, Domenica 16 Novembre 2014, nel suo paese natale di Montepagano di Roseto degli Abruzzi (Teramo), dopo la Santa Messa, in una suggestiva conviviale al Ristorante “Il Grottino”, in occasione della festività di Sant’Omobono, Patrono dei sarti, alla presenza dei delegati regionali accademici Franco Mariani e Luciano Morelli”.

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.