Roseto, Panthers vincono con Campobasso 81 a 39

William Orlando

Dieci giocatrici a segno, massimo scarto stagionale a +42, superato il muro degli 80 per la seconda volta in campionato: basterebbe l’aritmetica per esprimere la qualità offerta ieri sera dalle ARAN Cucine Panthers Roseto, che si impongono per 81-39 sulla La Molisana Magnolia e mettono in cascina altri due preziosi punti in ottica Pool Promozione. Ma oltre ai numeri c’è di più: c’è soprattutto un’alchimia che continua a crescere partita dopo partita, nonostante le tante peripezie affrontate finora dalle Pantere rosetane, e che ha catturato sia gli applausi reali del pubblico presente che quelli virtuali di chi ha seguito la sfida in diretta streaming.

Parlare di rivincita rispetto alla sfida di andata sarebbe obiettivamente una forzatura: Campobasso si presenta con sei effettive, complice la concomitanza della partita di A1 a Sassari. Ma poco o nulla cambia alle ragazze di coach Orlando, focalizzate sul proprio percorso di crescita e con l’extramotivazione di dedicare una vittoria a Camilla Mingardo, la cui operazione al legamento crociato di qualche ora prima è per fortuna riuscita alla perfezione (assieme a lei è ancora fuori anche Simona Di Giandomenico). Le ospiti, con Srot e Trozzola in evidenza, provano a tenere botta nel primo tempo: Roseto controlla ma non fugge, al riposo lungo è avanti di 12, ma il secondo tempo è un no contest (44-14 di parziale).

A scatenarsi sulla mezza dozzina molisana sono in particolare due cicloni: il primo si chiama Matea Atanasovska, con la ventenne macedone che aggredisce subito la partita firmando praticamente da sola il primo allungo, e chiuderà con una superba prova offensiva da 23 punti realizzati. È a Roseto da qualche settimana, ma sembra sia qui da una vita. Il secondo ha il numero 9 sulla maglia: oltre al solito apporto di quantità, Valeria Albanese gioca un secondo tempo da protagonista assoluta e firma il suo high stagionale a quota 16. In doppia cifra anche Lucente, che ha messo ormai il Covid alle spalle, e una Kotnik che si vede poco ma si sente tantissimo.

In generale è stata assolutamente, come al solito, una vittoria di squadra, con Duran Calvette che si è permessa una serata in ufficio dedicandosi a mettere in ritmo le compagne e riprendere confidenza con il parquet dopo un lieve infortunio, e il bel finale della baby Flaminia Demojana a bersaglio con due pregevoli canestri. La strada è ancora molto lunga, ma le Pantere targate ARAN Cucine ci sono, e puntano con decisione alla seconda fase. Prima c’è però da chiudere il primo girone con una tripla trasferta nel Lazio: si parte sabato 5 febbraio alle 18:30 sul campo dell’Elite Roma, si chiude domenica 13 alle 20:30 a . Nel mezzo la partita più importante, perché sarà l’unica delle tre a mettere in palio punti da portarsi nella Poule Promozione: giovedì 10, sempre alle 20:30, sull’insidioso parquet della Virtus .

ARAN CUCINE PANTHERS ROSETO-LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO 81-39 (19-9; 37-25; 58-31)

ROSETO: Marini 3, Demojana 4, Albanese 16, Lucente 14, Zanetti, Azzola 3, Schena 2, Duran Calvette 5, De Vettor 1, Kotnik 10, Atanasovska 23. Coach: Orlando.

CAMPOBASSO: Trozzola 14, Moffa 2, Panichella, Baldassarre 2, Srot 15, Del Bosco 6. Coach: Ghilardi.

CLASSIFICA-GIRONE A
Roseto 10-1, 7-4, Aprilia 6-3, Campobasso 5-4, 4-6, 4-7, Elite Roma 3-6, Frascati 0-8.

CLASSIFICA-GIRONE B
Stella Azzurra 9-1, Roma 10-3, San Raffaele 8-3, Esquilino 6-3, SMIT Roma 4-7, Willie 2-6, Azzurra Orvieto 2-8, Magic Chieti 0-10

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.