20 Luglio 2024
Cronaca Abruzzo

Pescara, Italia Nostra a proposito del pino tagliato nella sede ARTA

Riportiamo di seguito un comunicato stampa inviato dal Direttivo della Sezione “L. Gorgoni” di Italia Nostra, , sulla vicenda del pino tagliato all'interno del giardino sede Arta di Pescara.

“-La storia:
L' edificio di viale Marconi nel quale ha sede l' ARTA è il cosiddetto “ospedaletto” così chiamato perché fu la prima struttura sanitaria, un poliambulatorio istituito verso il 1910 , prima dell'Ospedale Civile di Castellamare e poi della città unificata. Fu lì che subentrò il celebre “ Laboratorio di Igiene e profilassi” nel nome dell'igienista vestino Alfonso di Vestea, diretto poi prestigiosamente da Antonio Montefredine e Luciano La Porta che, con le varie riforme, è divenuto l'ARTA. La elegante soluzione d'angolo del fabbricato fu ingentilita da alberi di Pino divenuti ormai esemplari storici.

-La funzione:
L'Arta, agenzia regionale per la tutela dell'Ambiente della Regione , ha il compito di espletare attività di prevenzione, protezione e tutela ambientale.

-Il fatto;
Ieri a Pescara abbiamo assistito all'abbattimento di un Pino domestico imponente che si trovava all'interno del cortile della sede dell'Agenzia. Una sconfitta per la città; ma una sconfitta anche per un Ente che ha tra i suoi compiti l'attività di studio e ricerca sugli aspetti fitosanitari del verde pubblico insieme a compiti e funzioni in materia di formazione ed educazione ambientale.
I cittadini, tramite Italia Nostra che ne ha raccolto le numerose segnalazioni, chiedono la motivazione per l'abbattimento di quel bellissimo albero, che viveva nella storia ed erogava i tanti servizi ecosistemici che Arta conosce benissimo.
Un Pino che dovrebbe essere tutelato ex Lege, per l'età e per il fatto che si trovasse in una area vincolata. Non sappiamo se siano stati rilasciati tutti i permessi previsti; ma se così fosse sarebbe ancora più grave: mostrerebbe la disinvoltura nell'autorizzare gli abbattimenti di fronte alla necessità di proteggere il patrimonio arboreo.
Un Pino come quello caduto avrebbe meritato approfondimenti e studi, e soluzioni diverse dall'abbattimento superficiale e qualunquista.
Educazione ambientale significa proporre azioni e metodologie alternative, e quale esempio migliore poteva essere dare comunicazioni sulla storia di questo Pino, sulle eventuali criticità e sulle soluzioni da adottare per la sua salvaguardia.Nulla di cio' è accaduto. Perciò l'ARTA è sconfitta proprio nella sua missione da questa arbitraria menomazione.
Come ormai da troppo tempo accade in questa città, gli alberi spariscono improvvisamente, senza comunicazioni, senza soluzioni, senza concertazione con i cittadini.In Europa, invece, se si prevede l'abbattimento di alberi in città, si avvisa la cittadinanza 60 g prima in modo da dare tempo per delle osservazioni.
ARTA mostra quindi una singolare ostilità alla cellulosa; che siaquella contenuta nelle pagine dei preziosi libri maltrattati nei giorni scorsi o quella che è ancora nel legno degli alberi. Aspettiamo ancora l'invito annunciato per la illustrazione dei programmi culturali dell'Ente; intanto dobbiamo denunciare un ulteriore danno al patrimonio storico, questa volta arboreo.
in Europa si dà dignità ai cittadini e al verde.
A Pescara invece è in atto attacco quotidiano al nostro patrimonio vegetale”.

Il Direttivo della Sezione” L. Gorgoni” Italia Nostra, Pescara

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie