22 Luglio 2024
Cronaca Abruzzo

Roseto, Francesco Di Giuseppe: “presidente Gabriella Recchiuti si guardi allo specchio prima di aprire bocca”

Riceviamo in redazione una nota a firma del capogruppo di Fratelli d'Italia, del partito di Giorgia Meloni, in consiglio comunale a . Nella nota il consigliere replica alle accuse del Presidente del consiglio Gabriella Recchiuti dicendole di “guardarsi allo specchio prima di aprire bocca”.

Di seguito il testo della nota di Francesco Di Giuseppe.

“La strategia maldestra di una certa sinistra, ormai, la conosciamo bene: vivendo estraniati dalla realtà e sempre più lontani dalle esigenze del popolo, non tollerano la crescita degli avversari e tentano in ogni modo di demonizzarli agitando lo spauracchio del fascismo.
Fa sorridere come il Presidente del Consiglio si mascheri, nella nota, da anima pia e da garante della democrazia nella nostra città quando ricordo benissimo le sue molteplici dichiarazioni in questi due anni e mezzo: quando diceva a microfoni aperti di essersi “rotta il c***” e quindi di non partecipare ad una riunione dei capigruppo indetta durante un consiglio comunale, arrivando addirittura a dichiarare apertamente di non essere “super partes”, come il ruolo che ricopre vorrebbe.
Ricordo come fu anche lei, nonostante il suo ruolo imponga terzietà, a presenziare alla conferenza stampa di attacco nei miei confronti in cui vennero lanciate pesantissime accuse al sottoscritto per essere “reo” di aver prodotto 10.000 emendamenti per bloccare il regolamento del consiglio comunale che poi fu, per l'appunto, bocciato dal T.A.R.
Bocciature al T.A.R. di cui il Presidente Recchiuti sta diventando recordman, viste le sonore batoste prese da quando si è insediata, condite dall'ormai consueta frase “ECCESSO DI POTERE” rivolta al suo ruolo e contenuta nelle sentenze che la inchiodano alle sue responsabilità.
La sua condotta dei lavori d'aula è ormai nota, basta scorrere le riprese di ogni consiglio per vedere come fraintenda ampiamente alcuni passaggi della minoranza spacciandoli come “accuse” e concedendo quindi repliche per “fatto personale” alla maggioranza e come sia invece distratta quando dai banchi della maggioranza o anche dal Sindaco arrivino accuse dirette e quindi ben più gravi ai consiglieri di minoranza, ma anche in questi casi continua a fare spallucce e a continuare nei suoi, ormai noti, risolini.
Un presidente del consiglio preoccupato più a trovare escamotage per rimettersi la fascia in raso, per le passerelle estive, che ai diritti delle minoranze, calpestate ieri per l'ennesima volta.
Il presidente del consiglio nella sua ricerca su Wikipedia, a scoppio ritardato visto che nulla aveva eccepito in aula durante il dibattito, dimentica però di leggere come solo pochi giorni fa utilizzava le mie stesse parole “aula sorda e grigia” Michele Serra, nota firma di La Repubblica, parlando della riforma del premierato:
Come funziona, presidente Recchiuti?
Quando ad utilizzare queste provocazioni sono i vostri intellettuali di regime sono concesse e quando queste vengono utilizzate da chi è di centrodestra divengono improvvisamente richiami nostalgici?
Avrete mai il coraggio di affrontare la realtà e rispondere alle tante domande poste dopo la provocazione o continuerete ad essere sordi a questi quesiti?
Presidente, avrà mai abbastanza forza per sostenere le proprie tesi, sempre più impopolari in città, senza agitare un inesistente spauracchio fascista o rimarrete nel “grigiore” di questo finto civismo?
La città ormai non ha più dubbi su dove si collochi politicamente questa maggioranza: a sinistra in tutto e per tutto, cattocomunisti che non distinguono i loro precedenti impegni parrocchiali con l'attuale incarico di guida della seconda città della Provincia.
Un bluff chiamato “svolta” che si manifesta sempre di più come un dramma per la nostra città costretta a pagare per gli errori commessi in primis da lei, che forse si, dovrebbe chiedere scusa ai cittadini Rosetani”.

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie