Pineto, premiazione concorso letterario “Guardare&Vedere”

Ha avuto come filo conduttore il dramma della Shoah il concorso

letterario bandito dal Comune di Pineto e dalla locale Commissione

per le Pari Opportunità, presieduta da Cristina Marcone, in

collaborazione con la Scuola Secondaria di primo grado Giovanni XXIII,

la cui premiazione è in programma per sabato 26 gennaio 2019 alle 10

nel Teatro Polifunzionale della cittadina adriatica. Un appuntamento

organizzato in occasione della Giornata della Memoria, che si celebra

a livello internazionale il 27 gennaio. Due verbi all'infinito come

titolo del concorso, "Guardare&Vedere", dal significato volutamente

opposto e contrario al concetto di indifferenza. A ispirare gli

ideatori una citazione tratta dal libro "La Memoria rende liberi"

della senatrice Liliana Segre, deportata ad Aushwitz-Birkenau all'età

di tredici anni, dove ha perso il padre e i nonni paterni: "Vivevamo

immersi, nella zona grigia dell'indifferenza. L'ho sofferta,

l'indifferenza. Li ho visti quelli che voltavano la faccia dall'altra

parte. Anche oggi ci sono persone che preferiscono non guardare".

Il concorso, alla sua prima edizione, è stato bandito anche con la

finalità di far riflettere gli studenti sulle tematiche legate

all'inclusione e al dialogo interculturale a partire dal vissuto e

dall'esperienza in classe offrendo agli insegnanti uno spunto

ulteriore per trattare temi e problematiche attuali sviluppando

atteggiamenti empatici e consapevoli nei confronti dell'altro. Gli

elaborati, nella forma di racconto breve, sono stati valutati da una

giuria tecnica composta dalla dirigente scolastica dell'IIS Zoli

Daniela Magno, dallo scrittore Elio Forcella, dal Presidente del

Consiglio Comunale di Pineto Ernesto Iezzi e dalla componente della

locale Cpo Edda Migliori, la quale si occuperà anche di moderare la

cerimonia di premiazione.