Roseto, al via lavori nuovo braccio a mare

Ancora un paio di mesi al massimo,e poi partiranno  i lavori di realizzazione del nuovo braccio a mare del porticciolo turistico di per mettere in sicurezza l’imboccatura dell’attuale Portorose.

Il nuovo braccio a mare è un’opera finanziata con un milione e 700 mila euro (fondi Masterplan), con la Provincia soggetto attuatore con la collaborazione del Comune.

La ditta che si è aggiudicata l’appalto prima dei lavori ha dovuto procedere a una ricognizione su gran parte dell’asta fluviale, dai due ponti, ferroviario e della statale 16, per 800 metri circa in direzione della foce del fiume Vomano nel rispetto di una legge che prevede una verifica bellica.
In pratica in zona, in base ai documenti del periodo della Seconda Guerra Mondiale, furono sganciate delle bombe per distruggere le linee di collegamento, quindi i due ponti.

Non era da escludere che nell’area a ridosso del porticciolo, vi fossero degli ordigni inesplosi come è purtroppo accaduto in altre zone del territorio provinciale.

A questo punto, una volta ultimate le pratiche, la ditta appaltatrice potrà dare il via agli interventi del nuovo braccio a mare

Il progetto prevede la creazione di un braccio a nord con molo convergente per rendere sicuri la navigazione interna e il traffico marittimo in entrata e uscita del porto.
Lo studio mira a poter utilizzare le banchine di nord est, lato mare, dov’è prevista la futura localizzazione della marineria.
Al Comune di Roseto il compito di realizzare una parte propedeutica del braccio a mare per un valore di 150 mila euro, e successivamente potrà partire la Provincia che si occuperà della restante parte inserita nel progetto.