Montesilvano, polizia municipale spara e uccide pitbull

Un pitbull gira libero per le strade e aggredisce un cagnolino, ferendo il proprietario e un altro passante; gli agenti di Polizia municipale, dopo aver provato in ogni modo a fermarlo, sono costretti a sparargli e ad abbatterlo.
Il fatto accaduto a Montesilvano (Pescara).
Due le persone finite in ospedale con lesioni non gravi; il cagnolino aggredito è stato portato via dai veterinari in gravi condizioni.
Erano stati alcuni cittadini a contattare i Vigili Urbani, segnalando la presenza del pitbull in libertà.
Gli agenti sono intervenuti e hanno provato a bloccare il cane per leggere il microchip e risalire ai proprietari, ma non sono riusciti a fermarlo.
L’animale si è spostato in via Lazio e lì ha aggredito il cagnolino, facendo cadere a terra l’anziano proprietario.
 I poliziotti, a quel punto, hanno provato in ogni modo a bloccare il cane, anche utilizzando spray al peperoncino, ma non c’è stato niente da fare.
Sono stati costretti a estrarre la pistola e a sparargli.
 La carcassa del pitbull è negli uffici veterinari della Asl per l’osservazione di 48 ore. I proprietari, una volta individuati, sono stati sanzionati.
Estremamente provato l’agente di Polizia locale che è stato costretto a sparare.