Pineto, la mareggiata ha fatto molteplici danni

Alberi di tamerici sradicati, terreno franato in alcuni tratti del

lungo mare di Villa Ardente nei pressi della Pineta Catucci e percorso

pedonale adiacente danneggiato. Sono questi i primissimi effetti della

straordinaria mareggiata che stanotte ha colpito Pineto e in generale

la costa teramana. Un problema, quello dell'erosione, che torna

all'attenzione e per il quale si attende una concreta soluzione in

particolare per gli operatori turistici che hanno le loro attività

sulla costa, come i tanti lidi che tra meno di due mesi dovranno

riaprire le proprie attività, ma anche i residenti sono preoccupati

per i danni alle loro abitazioni e alle loro proprietà. Sul posto

questa mattina, oltre al Sindaco di Pineto Robert Verrocchio e

all'Assessore al Demanio Marittimo Cleto Pallini, anche il Presidente

della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli per un sopralluogo, il quale

dopo aver constatato quanto accaduto si è impegnato per interventi in

somma urgenza e per l'erogazione di ulteriori fondi al Comune di

Pineto da aggiungersi a quelli del Masterplan per la messa in

sicurezza della costa. Nei prossini giorni a Pineto come negli altri

comuni ci saranno dei sopralluoghi tecnici per il ripristino e la

messa in sicurezza delle zone danneggiate. Presenti, tra gli altri, il

Presidente dell'Associazione Balneatori di Pineto, Mauro Pavone, il

consigliere regionale Luciano Monticelli, la consigliera del Comune di

Pineto, Massimina Erasmi e l'assessore Claudio Mongia oltre a diversi

balneatori e cittadini.

"Stanotte il fenomeno erosivo ha mostrato nuovamente i suoi effetti

lungo la costa teramana – commentano Verrocchio e Pallini – non si può

più attendere. Abbiamo immediatamente sollecitato la Regione Abruzzo a

intervenire anche per portare avanti il progetto 'Ancora' con

celerità. Tra meno di due mesi i lidi dovranno riaprire e quanti hanno

scelto di investire per lavoro o per vivere lungo le nostre coste

hanno diritto alla sicurezza. Il Presidente Lolli si è mostrato

disponibile e sensibile e ha garantito un intervento immediato in

somma urgenza per consentire allo stabilimento maggiormente

interessato dalla mareggiata di ripristinare l'attività in tempi

celeri per essere pronto a operare per la stagione estiva e, grazie

alla nostra sollecitazione ha espresso la ferma volontà di assegnare a

breve ulteriori fondi alla problematica della difesa della costa. Noi

stiamo già procedendo con le risorse del Masterplan sapendo che non

basteranno. Il muro che abbiamo costruito su via Catucci due anni fa,

è stato fortunatamente importante dato che ha protetto le case e

limitato i danni che la mareggiata di stanotte ha provocato.

Ringraziamo Lolli e quanti sono intervenuti oggi, confidando che alle

parole seguano gli interventi concreti nel più breve tempo possibile".

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: