Teramo, Rifiuti, TeAm deve restituire l’IVA ai cittadini

Sollecito alla Teramo Ambiente, da parte del primo cittadino di Teramo D’Alberto, ad attivarsi per il recupero dei fondi relativi all’IVA applicata sulla tariffa di igiene ambientale (TIA) nel triennio 2007-2009, non dovuta ma pagata dai cittadini e versata all’erario.

Il sollecito effettuato dal Sindaco fa riferimento all’istanza di rimborso che la stessa società di raccolta dei rifiuti ha avanzato nei  confronti dell’Agenzia delle Entrate ad effetto delle sentenze della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale, confermate dalla successiva Giurisprudenza, in base alle quali veniva riconosciuta la natura tributaria della TIA e la conseguente non assoggettabilità dell’IVA.

D’Alberto pertanto, in ragione di tutto ciò, sollecita la Teramo Ambiente ad avviare ogni attività per la restituzione dell’intero ammontare dell’IVA applicata sulla TIA che, per il triennio considerato, è pari a €2.498.239,87,  oltre agli interessi.

Il Sindaco D’Alberto ribadisce la necessità di accelerare in via definitiva l’azione della TeAm, svolta finora con evidente lentezza e inefficacia nei confronti dell’Erario, anche al fine di utilizzare tali risorse per l’abbattimento della TARI, introducendo un ristoro che garantisca equità sostanziale nei confronti dei cittadini che hanno subito i progressivi aumenti della tassazione sui rifiuti.