Basket, Teramo – Nardò 62-59

Partiamo da un concetto che è stato espresso chiaramente sul parquet da tutti i giocatori dell’Adriatica Press Teramo, quello che questa squadra ha gli attributi non quadrati ma cubici perché, dopo la brutta sconfitta del derby contro il Giulianova, serviva una risposta, serviva un segnale forte, una scossa nel vero senso della parola e prontamente è arrivata una splendida vittoria, ottenuta contro una squadra (Nardò) costruita per stare nelle zone alte della classifica, con un budget consistente ed uno dei migliori attacchi del Girone C. Da notare anche un bellissimo episodio accaduto nel post partita quando il presidente di Nardò, Ivan Marra, è entrato all’interno dello spogliatoio biancorosso stringendo la mano a tutti i giocatori dell’Adriatica Press, complimentandosi in modo sportivo e cavalleresco per la vittoria.

Quando anche l’avversario riconosce in questo modo i tuoi meriti vuol dire che hai fatto una grande partita e la fotografia perfetta è la tripla decisiva di Capitan Andrea Lagioia, realizzata a 2 secondi dal termine con un pazzesco step back e con l’avversario letteralmente francobollato. Questa però è solo la punta dell’iceberg perché tutta la squadra ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, giocando in modo grintoso e con grande volontà. L’esempio lampante è la difesa magistralmente eseguita, un pressing a tutto campo che più di una volta ha messo in seria difficoltà i portatori di palla salentini.

Eppure il prologo non è dei migliori, con gli ospiti che volano subito sul 4-14 costringendo Domizioli a chiamare immediatamente time out. Il Teramo prova a reagire (9-14 al termine della prima frazione) ma Nardò mantiene sempre i ritmi bassi, cercando di non far correre i biancorossi e dargli così possibilità di rapide transizioni. A metà del secondo quarto però l’Adriatica Press comincia a prendere le misure ai granata, Canelo in questo frangente diventa l’uomo chiave grazie al suo ritmo compassato ed efficace che frutta il sorpasso (22-21 al 16′). L’equilibrio regna sovrano e solo un buzzer beater di Ingrosso permette ai tori salentini di chiudere avanti il primo tempo sul 26-27,

Nella ripresa il Teramo rientra sul parquet con gli occhi della tigre: Lagioia, Aromando e Fabi firmano il break fulmineo di 6 a 0 che costringe coach Quarta a fermare il gioco (32-27 al 22′). Gli ospiti però paiono storditi, Lagioia mette due triple mortifere ben coadiuvato da Kekovic, poliedrico in entrambi i lati del campo. Il terzo quarto è nettamente di marca biancorossa e si chiude sul 48-39.

Sembra il preludio ed un allungo targato Adriatica Press nella quarta frazione ma la pallacanestro è uno sport tanto meraviglioso quanto crudele, che non ti permette distrazioni di nessun tipo. I salentini infatti riprendono fiducia grazie ad un superbo Goran Bjelic (il montenegrino chiuderà con 21 punti, 7 su 12 dal campo e 10 rimbalzi), il Teramo va in affanno e ad un minuto e mezzo dalla fine si completa la rimonta ospite, sempre con Bjelic a realizzare il canestro del 54-55.

Lagioia e compagni però più di una volta, durante la stagione, hanno dimostrato di avere il carattere e la forza per vincere partite del genere e qui diventa di nuovo protagonista Canelo che confeziona un recupero fondamentale per il 59-57 a 30 secondi dal termine. A questo punto il finale è da brividi: prima Bjelic firma la nuova parità (59-59) e nell’azione seguente Capitan Lagioia pennella il capolavoro con la tripla in step back che fa esplodere di gioia il Palaskà. A 2 secondi dal termine ci pensa Aromando a stampare la stoppata decisiva sul tentativo di Bonfiglio che sancisce la vittoria dell’Adriatica Press con il punteggio di 62 a 59.

Adesso si guarda con maggiore ottimismo alla trasferta in terra pugliese contro la capolista/corazzata San Severo. Visti anche gli altri risultati, con le sconfitte di Ancona e Porto Sant’Elpidio, i ragazzi di coach Domizioli devono crederci fino alla fine perché hanno dimostrato, oggi più che mai, di essere vivi e di potersi giocare tutte le proprie chance fino all’ultimo secondo dell’ultima partita della stagione regolare.

TABELLINO

Basket, Teramo – Nardò 62-59

(9-14, 17-13, 22-12, 14-20)

Adriatica Press Teramo: Aromando 12, Costa, Kekovic 10, Fabi 4, Marsili 4, Massotti ne, Lagioia 13, Sebrek 3, Canelo 14, Di Diomede ne. Coach: Massimiliano Domizioli

Nardo’: Banach, Scardino ne, Ingrosso 5, Provenzano 10, Drigo 1, Razzi, Visentin 8, Bjelic 21, Bonfiglio 10, Zampolli 2, Mijatovic ne. Coach: Gianluca Quarta

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.