Teramo, “MusicAntica”, edizione 2019

Aquila Altera Ensemble

“MusicAntica”, edizione 2019, nuova iniziativa della Riccitelli dedicata interamente al repertorio di musica antica.
La manifestazione, in collaborazione con l’Istituto Abruzzese di Storia Musicale e con il patrocinio della Diocesi di -Atri e curata dalla Dott.ssa Carla Ortolani, si apre giovedì 4 aprile alle ore 21,00 al Santuario della Madonna delle Grazie con Aquila Altera Ensemble.
“Laudar Vollio Per Amore Francesco raccontato con le parole e la musica del suo tempo”, un “viaggio” sonoro attorno alla figura di S. Francesco che non ripercorre cronologicamente la sua vita, ma rievocare attraverso le sue parole e quelli dei biografi a lui contemporanei, o di poco successivi, l’atmosfera di quegli anni, questo il filo conduttore dell’evento di apertura.
Maria Antonietta Cignitti canto, arpa, percussioni, Daniele Bernardini flauti dritti, flauto e tamburo, Beatrice Dionisi arpa, Gabriele Pro viella, Antonio Pro liuto, voce, Luca Serani voce recitante saranno i protagonisti della serata. In apertura, la prima lettura dal Testamento che Francesco, fra agosto e settembre del 1226, pochi mesi prima della morte, lascia ai suoi frati, un documento chiave di tutta l’esperienza di Francesco.
Non potevano mancare le laude, che aprono e chiudono il concerto, tratte dal Laudario di Cortona, codice medievale della metà del 1200.
Momento saliente e fortemente evocativo dello spettacolo è rappresentato dalla lauda di Jacopone da Todi “O Francesco da Deo amato” in cui Jacopone descrive Francesco come il nuovo Cristo venuto a sconfiggere il demonio.
In chiusura, il “Cantico delle creature”, canto gioioso di lode e di ringraziamento, prima grande lode a Dio scritta dal Santo nella novella lingua italiana, un testo eccezionale composto tra il 1224 e il 1225, celebrato come l’espressione più completa e lirica dell’animo e della spiritualità di Francesco.
Ingresso libero

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.