Roseto, ci ha lasciato l’attore Carlo Delle Piane

carlo delle piane
carlo delle piane

Ci ha lasciato Carlo Delle Piane un amico della città di , da sempre, da quando in gioventù trascorreva le sue estati nella Città delle Rose teramana.
Amico di tantissimi rosetani, quando nel Bar dei Pini dell’allora fratelli Di Blasio (Piero e Gigino) trascorreva le serate goliardiche, giocando a carte, con la sua “cricca” di amici giovani rosetani bontemponi.
Personalmente ho avuto la fortuna di incontrarlo quando ero ragazzo e dividere di nuovo con lui un paio di serate, quando furono organizzati eventi a lui dedicati, di cui uno appunto nella sua città Casoli di Atri e nella vicino Pineto.
Anche se all’anagrafe risulta nato a Roma nel 1936, nella zona di Campo De Fiori, è sempre stato legato alla frazione di Atri, chiamata Casoli di Atri, in provincia di Teramo, città natale del sarto Francesco, suo padre, che successivamente si spostò a Roma per sposare Olga Rossi, una casalinga romana.

Deceduto a 83 anni Carlo delle Piane, un attore e regista del cinema italiano con una carriera durata 70 anni, iniziata nel 1948, a 12 anni, quando interpretò la parte di Garoffi nel film Cuore, dal romanzo di De Amicis, diretto a quattro mani da Vittorio De Sica e Duilio Coletti.

Nella sua carriera Carlo Delle Piane ha lavorato, fra gli altri, fra gli altri, con Totò, Eduardo De Filippo, Alberto Sordi, Roman Polański, Vittorio De Sica, Vittorio Gassmann, Steno, Mario Monicelli, Sergio Corbucci, Aldo Fabrizi e Pupi Avati.
Proprio con quest’ultimo, cui era legato da una forte amicizia, ha girato una quindicina di titoli da lui interpretati.

Qui di seguito i riconoscimenti e i premi ricevuti:

Premi cinematografici

Mostra del cinema di Venezia
1983 – Premio Pasinetti – Miglior attore per Una gita scolastica
1986 – Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile per Regalo di Natale

Nastro d’argento
1984 – Miglior attore protagonista per Una gita scolastica
1986 – Candidatura a Miglior attore protagonista per Festa di laurea

Globo d’oro
1984 – Miglior attore rivelazione per Una gita scolastica
1991 – Candidatura a Migliore attore per Condominio
2017 – Candidatura a Migliore attore per Chi salverà le rose?

Premio Massimo Troisi
2013 – Premio Troisi, alla carriera

Filmografia.
Qui din seguito l’elenco dei film a cui Carlo delle Piane ha partecipato

Cuore, regia di Duilio Coletti (1948)
Domani è troppo tardi, regia di Léonide Moguy (1950)
Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1951)
Mamma mia, che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951)
Guardie e ladri, regia di Mario Monicelli e Steno (1951)
Bellezze a Capri, regia di Luigi Capuano e Adelchi Bianchi (1951)
La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
Un ladro in paradiso, regia di Domenico Paolella (1952)
È arrivato l’accordatore, regia di Duilio Coletti (1952)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
L’uomo, la bestia e la virtù, regia di Steno (1953)
Fermi tutti… arrivo io!, regia di Sergio Grieco (1953)
La grande speranza, regia di Duilio Coletti (1954)
Ho ritrovato mio figlio, regia di Elio Piccon (1954)
Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
Bella non piangere, regia di Duilio Carbonari (1955)
Da qui all’eredità, regia di David Carbonari (1955)
La ladra, regia di Mario Bonnard (1955)
La ragazza di Via Veneto, regia di Marino Girolami (1955)
I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)
Serenate per 16 bionde, regia di Marino Girolami (1957)
La canzone più bella, regia di Ottorino Franco Bertolini (1957)
Sette canzoni per sette sorelle, regia di Marino Girolami (1957)
Buongiorno primo amore!, regia di Marino Girolami e Antonio Momplet (1957)
La canzone del destino, regia di Marino Girolami (1957)
Le belle dell’aria, regia di Mario Costa (1957)
Non sono più guaglione, regia di Domenico Paolella (1957)
Un colpo da due miliardi (Sait-on jamais…), regia di Roger Vadim (1957)
Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)
Serenatella sciuè sciuè, regia di Carlo Campogalliani (1958)
Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
Quando gli angeli piangono, regia di Marino Girolami (1958)
La ragazza di piazza San Pietro, regia di Piero Costa (1958)
L’amico del giaguaro, regia di Giuseppe Bennati (1959)
Spavaldi e innamorati, regia di Giuseppe Vari (1959)
Quanto sei bella Roma, regia di Marino Girolami (1959)
Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)
Un mandarino per Teo, regia di Mario Mattoli (1960)
Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)
La ragazza sotto il lenzuolo, regia di Marino Girolami (1961)
Walter e i suoi cugini, regia di Marino Girolami (1961)
Bellezze sulla spiaggia, regia di Romolo Girolami (1961)
Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)
Le magnifiche 7, regia di Marino Girolami (1961)
Nerone ’71, regia di Walter Filippi (1962)
Twist, lolite e vitelloni, regia di Marino Girolami (1962)
I galli del Colosseo, episodio de Gli italiani e le donne, regia di Marino Girolami (1962)
Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
Il monaco di Monza, regia di Sergio Corbucci (1963)
Siamo tutti pomicioni, regia di Marino Girolami (1963)
Totò e Cleopatra, regia di Fernando Cerchio (1963)
Ballo in maschera da Scotland Yard (Maskenball bei Scotland Yard – Die Geschichte einer unglaublichen Erfindung), regia di Domenico Paolella (1963)
I 4 tassisti, regia di Giorgio Bianchi (1963)
Canzoni, bulli e pupe, regia di Carlo Infascelli (1964)
I ragazzi dell’hully gully, regia di Marcello Giannini (1964)
Veneri al sole, regia di Marino Girolami (1964)
Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)
Perdono, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)
Il sole è di tutti, regia di Domenico Paolella (1968)
Scacco internazionale, regia di Giulio Rosati (1968)
Don Chisciotte e Sancio Panza, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
Susanna… ed i suoi dolci vizi alla corte del re (Frau Wirtin hat auch einen Grafen), regia di François Legrand (1968)
L’arcangelo, regia di Giorgio Capitani (1969)
Zum Zum Zum nº 2, regia di Bruno Corbucci (1969)
Pensiero d’amore, regia di Mario Amendola (1969)
Le avventure di Gerard, regia di Jerzy Skolimowsky (1970)
Quelli belli… siamo noi, regia di Giorgio Mariuzzo (1970)
Lacrime d’amore, regia di Mario Amendola (1970)
Lady Barbara, regia di Mario Amendola (1970)
All’ovest di Sacramento, regia di Federico Chentrens (1971)
Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, regia di Vittorio Gassman (1972)
Che?, regia di Roman Polański (1972)
Teresa la ladra, regia di Carlo Di Palma (1973)
I 7 magnifici cornuti, regia di Luigi Russo (1974)
La signora gioca bene a scopa?, regia di Giuliano Carnimeo (1974)
L’insegnante, regia di Nando Cicero (1975)
La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
Una bella governante di colore, regia di Luigi Russo (1976)
Passi furtivi in una notte boia, regia di Vincenzo Rigo (1976)
Tutti defunti… tranne i morti, regia di Pupi Avati (1977)
Jazz Band, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1978)
Le strelle nel fosso, regia di Pupi Avati (1979)
Cinema!!!, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1979)
La moglie dell’amico è sempre più… buona (1980)
Dancing Paradise, regia di Pupi Avati (1982)
Una gita scolastica, regia di Pupi Avati (1983)
Noi tre, regia di Pupi Avati (1984)
Festa di laurea, regia di Pupi Avati (1985)
Regalo di Natale, regia di Pupi Avati (1986)
Sposi, regia di Antonio Avati, Pupi Avati, Cesare Bastelli, Felice Farina, Luciano Manuzzi (1988)
I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci (1988)
Condominio, regia di Felice Farina (1991)
Un amore americano, regia di Piero Schivazappa (1992)
Dichiarazioni d’amore, regia di Pupi Avati (1994)
Io e il re, regia di Pupi Avati (1995)
Ti amo Maria, regia di Carlo Delle Piane (1997)
La via degli angeli, regia di Pupi Avati (1999)
I cavalieri che fecero l’impresa, regia di Pupi Avati (2001)
La rivincita di Natale, regia di Pupi Avati (2004)
Tickets, regia di Ermanno Olmi, Ken Loach e Abbas Kiarostami (2005)
Nessun messaggio in segreteria, regia di Luca Miniero e Paolo Genovese (2005)
Linea gotica, regia di Stefano Giulidori (2012)
Chi salverà le rose?, regia di Cesare Furesi (2017)

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.