Ortona, Lanciano e Orsogna con l’opera Don Giovanni

don giovanni
don giovanni

Un fuori cartellone da non perdere il Don Giovanni che andrà in scena questo fine settimana a Ortona, Lanciano e Orsogna: domani 6 settembre ore 21.00 Teatro Tosti di Ortona, sabato 7 settembre ore 21.00 Teatro Fenaroli di Lanciano, domenica 8 settembre ore 20.00 Teatro De Nardis di Orsogna.

Il dramma giocoso in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte, è prodotto da OperaMore, che lo porta in scena all’interno di un importante progetto di perfezionamento con cantanti che arrivano da tutto il mondo per debuttare il ruolo praticando ed imparando la lingua Italiana. L’Opera verrà eseguita con quartetto di strumenti più pianoforte ed in versione integrale, mentre i recitativi saranno affidati ad attori.

Il Don Giovanni è opera di Mozart e di Da Ponte, una commistione di arti che ha portato ad un risultato sublime sia musicalmente che drammaturgicamente. La storia è quella nota del libertino Giovanni che, in fuga dalla casata di un’amante, viene affrontato dal padre della sedotta. Il duello ha un tragico epilogo ed il vecchio Commendatore ne avrà la peggio. La bella donna Anna non sa chi è il carnefice del suo genitore e continuerà a ricercarlo. Don Giovanni intanto continua la sua vita e se pur redarguito dal suo fido Leporello, servitore complice, non si astiene dal conquistare le belle, incorrendo anche in qualche strano equivoco, tipo il tentare di conquistare la sua stessa moglie Elvira. Giovanni continua a collezionare amanti al motto di “chi ad una sola è fedele verso ogni altra è crudele, io che in me sento sì esteso sentimento vo bene a tutte quante….”. Il gioco continuerà fino al momento in cui davanti ad un cimitero si prenderà gioco della statua del commendatore da lui stesso trafitto. Lo inviterà sarcasticamente a cena e lui, indovinate cosa dirà?

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.