Milano, Vito il gatto bionico

vito gatto

Si chiama Vito, il gatto, soprannominato il gatto bionico.
Vito ha due protesi alle zampe posteriori che ricordano quelle dell’atleta Oscar Pistorius campione paralimpico.
La storia accade a Milano a un gatto che appartiene a Silvia e Linda e la racconta viene raccontata da Claudia Rocchini, una fotografa naturalistica specializzata in ritratti di felini.

“Vito è un gatto abituato a stare all’aperto, entra e esce di casa grazie alle fessure predisposte dalle sue padroncine.
Lasciato per qualche giorno con una loro amica, sparisce, e viene ritrovato dopo un giorno e mezzo di ricerca con entrambe le zampe schiacciate.
Il veterinario ha proposto un intervento sperimentale mai eseguito prima in Italia.
Un inserimento di due protesi, inizialmente temporanee, per verificare le reazioni e permettere a Vito di fare i suoi bisogni da solo.
Vito oggi cammina senza problemi, le protesi temporanee reggono e così si è deciso, per ora, di non sottoporlo ad altri interventi per le protesi definitive in titanio.
Il veterinario sta valutando di progettare altre protesi con piccole molle per permettergli di far leva, imitando le vere zampe”.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: