Teramo, ultima variazione di Bilancio dell’anno

bilancio-in-comune

Esaminata in Commissione Bilancio, stamane, la variazione che andrà in Consiglio Comunale e che è l’ultima dell’anno.
L’esito consente al Sindaco Gianguido D’Alberto di fare una valutazione complessiva dello stato del Bilancio, con note fortemente positive.
“Intanto chiudiamo con un fondo di cassa di oltre €6.000.000; questo sta a significare – sostiene il Sindaco – che siamo usciti dalla fase di criticità in cui da anni il Comune era immerso.
Non abbiamo fatto alcun ricorso, per la prima volta dal 2014, all’anticipazione di cassa, con un esercizio finanziario positivo”.
Il Sindaco rimarca, con onestà, la contingenza favorevole caratterizzata dalla presenza di norme che per i Comuni del cratere sismico alleggeriscono alcuni vincoli (mutui, assicurazioni, ecc.) ma ricorda che comunque, l’impatto del Bilancio è di fatto consolidato, manifestando in ciò una gestione politica e amministrativa virtuosa.
“Abbiamo lasciato intatti i 6 milioni di euro ormai consolidati.
Questo ci ha permesso di liberare risorse da non dover spendere per gli interessi e che abbiamo potuto utilizzare a sostegno di attività e iniziative per l’aspetto culturale, per la rivitalizzazione della città in questa fase del Natale teramano, ma anche per il Sociale e per le Manutenzioni.
In quest’ultimo caso, ad esempio, dopo anni abbiamo potuto realizzare interventi in diverse aree del territorio, peraltro ancora da concludere nella loro interezza.
Poi siamo riusciti a tornare a dare contributi alle associazioni culturali, anche qui dopo un lungo periodo”.
A ciò si aggiunga la necessità sorta nel recente mese di novembre di far fronte al sostentamento dei minori all’interno delle case-famiglia, per un importo di 110mila euro, necessari per arrivare i 162mila necessari per la spesa, come imposto dallo Stato.
Un aspetto, sul quale il Sindaco apre una leggera nota critica: “Abbiamo risposto a tale emergenza, che ha portato il costo complessivo della voce ad € 800.000. con convinzione e con grande senso di responsabilità. Ma va detto che viviamo in uno stato sociale che rischia di essere indebolito perché scarica sui Comuni una serie di attività che dovrebbero invece essere dello Stato.
Il Governo e altri livelli istituzionali, dovrebbero appoggiare i Comuni non viceversa, come ora accaduto, e non scaricare su di essi questo importante compito, tra l’altro particolarmente oneroso, che va a gravare su altri servizi di bilancio”.
“La virtuosità con la quale abbiamo gestito il Bilancio dà senso e contenuto alla politica di gestione della città – conclude il Sindaco D’Alberto – .
Credo di poter affermare che la valutazione di questo primo intero anno di gestione del Bilancio da parte della nuova amministrazione, sia straordinariamente positiva”.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: