Teramo, a proposito delle nuove rotatorie

Con riferimento alle nuove rotatorie che l’ANAS ha in programma di realizzare e sta realizzando in provincia di Teramo sulle strade statali n. 16, n. 80 e n. 81, già lo scorso 4 marzo il sottosegretario regionale Umberto D’Annuntiis rendeva note le 12 rotatorie in corso di realizzazione sul nostro territorio da parte dell’ANAS, la quale accolse già nel 2015 lo studio di fattibilità redatto dal Comune di Teramo su sollecitazione del sottoscritto con particolare riferimento alle rotatorie da porre in essere sulla SS. n. 80.

In particolare appena insediato il direttore del Compartimento Abruzzo, ingegner Marasco, l’Amministrazione Brucchi si premurò di sensibilizzarlo attraverso un proprio studio di fattibilità in merito che fu favorevolmente accolto e che oggi – dopo il reperimento dei necessari finanziamenti e la redazione della progettazione definitiva/esecutiva da parte dell’ANAS – trova sbocco nell’apertura dei cantieri.
Già dal 2015 il sindaco Brucchi e anche il Comune di Cortino, nella figura del sindaco Gabriele Minosse, si fecero portatori degli interessi per la tutela del traffico stradale sulla SS. n. 80 ed oggi possiamo semplicemente ringraziare l’ANAS per il lavoro svolto, sottolineando come l’attuale gestione dell’Amministrazione comunale di Teramo non abbia alcun merito da rivendicare su problematiche e su progetti dei quali non era nemmeno a conoscenza, rispetto ai quali anzi farebbe bene a ringraziare chi li ha preceduti in Comune.
Da ultimo, con riferimento alla rotatoria sulla SS. n. 80 del Bivio Cortino-Frondarola-Valle San Giovanni, è significativo ricordare come dopo 40 anni di inerzia, fu sempre l’Amministrazione Brucchi a realizzare la nuova illuminazione dell’incrocio in questione, con progetto e appalto a cura del Comune di Teramo appositamente assentito dall’ANAS stessa.
Tanto era dovuto per chiarezza, sperando che cessi lo sterile tentativo del sindaco D’Alberto e della sua giunta di intestarsi meriti che non ha, non essendo nemmeno la prima volta che questo accade, sperando che occupino meglio il loro tempo nella risoluzione dei numerosi problemi che bisogna risolvere in fretta nell’interesse della cittadinanza, e mi limito a citare i più urgenti: conclusione dei lavori della nuova scuola di Collatterrato, passaggio di gestione dello stadio comunale “Bonolis”, regolarizzazione della gestione dei parcheggi nel centro storico (Tercoop, Piazza Dante), regolarizzazione contrattuale TeAm e gara per la gestione dell’igiene urbana, gare di affidamento degli impianti sportivi (PalaScapriano, PalaSanNicolò, Acquaviva).

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: