“Essere rosetano”. Alla scoperta di quello che accadde a Roseto degli Abruzzi

essere rosetano

Il periodo che stiamo vivendo rimarrà nella storia soprattutto connotando un’accezione negativa. Ma anche in tali situazioni si deve reagire e creare: il nostro collaboratore giornalista Federico Centola, che avete letto e continuerete a leggere su questo sito, ha creato uno spazio su Facebook dal nome “Essere rosetano“. Un excursus storico riguardo la città di Roseto degli Abruzzi corroborato da un archivio fatto di articoli (scritti da Centola per le varie testate), da fotografie e addirittura audiocassette.

Questo un sunto del primo post inserito nella neonata pagina (i cui contenuti verrano in futuro riportati anche su questo sito): “Ve la racconto io Roseto! Potenza del lockdown! Rimanere confinati in casa può anche avere i suoi vantaggi. A me ha fatto tornare la voglia di scrivere. Di tempo ce n’è tanto. Così mi sono seduto alla mia vecchia scrivania e ho cominciato a consultare il mio vasto archivio. Quintali di appunti scritti a mano e conservati in decine di fascicoli cartacei, ma anche cartelle seminascoste nel pc insieme a migliaia di fotografie e audiocassette raccolte in oltre trent’anni di attività giornalistica quotidiana. La curiosità mi ha poi spinto a mettere mano alla montagna di raccoglitori all’interno dei quali conservo ancora tutti i miei articoli pubblicati sui numerosi giornali con cui ho collaborato. Se sono io il primo a non ricordare tanti degli episodi che, messi insieme, hanno fatto la storia della mia città, come possono le nuove generazioni avere memoria di quanto accaduto a Roseto negli ultimi 30 anni?

Federico Centola Essere Rosetano
Federico Centola in una composizione firmata da Sergio Pancaldi

Per non parlare del nostro ‘passato remoto’, cioè la storia più antica del luogo in cui sono nato e vivo ancora oggi, ma soprattutto delle persone che hanno contribuito – nel bene o nel male e anche con gesti e attività apparentemente insignificanti – a mettere insieme la Roseto così come ci è stata tramandata e la vediamo oggi. Allora ecco l’idea. Ve la racconto io Roseto! Attraverso i miei vecchi articoli, molti dei quali, a rileggerli oggi, sembrano ancora attualissimi. Partirò un po’ da lontano, raccontando cioè come è nata l’attuale Roseto e chi sono stati i suoi padri fondatori. Poche pennellate, diluite in sette pillole e condite con qualche aneddoto sfizioso e soprattutto immagini. Naturalmente chiunque potrà intervenire con propri contributi e commenti, soprattutto approfondimenti e fotografie, che arricchiranno quanto andrò a pubblicare. […]”

Massimo Di Giacinto

Massimo Di Giacinto

Articolista da più di vent’anni. Ha collaborato con diverse testate cartacee e on-line. Ha fondato uno dei primi siti di informazione sul web e una delle prime Web TV in Italia. E' appassionato di fotografia, giornalismo, informatica e di tutte le nuove forme di comunicazione.

Commenta la notizia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: