Pescara, falso medico vendeva braccialetti in ospedale

polizia
immagine repertorio

La Polizia di Stato ha identificato e sanzionato un cittadino pakistano, residente a Noto, in Sicilia, ma trovato a Pescara nonostante il divieto di spostamento tra regioni di cui alla vigente normativa anti-covid, che, spacciandosi per medico, si era introdotto in alcuni reparti dell’Ospedale Civile per vendere in forma ambulante braccialetti e altri oggetti.

Questi i fatti: da alcuni giorni, l’uomo si aggirava per l’ospedale e, qualificandosi falsamente come medico, chiedeva di poter parlare con il primario del reparto dove, di volta in volta, si introduceva.
Carpendo, in tal modo, la fiducia dei sanitari, avuto libero accesso nelle corsie, ne approfittava per vendere braccialetti ed altri oggetti. Il personale sanitario che lo aveva notato, insospettitosi, ha allertato il personale del Posto Fisso di Polizia che, prontamente intervenuto insieme alla Squadra amministrativa della Questura, ha accertato che recentemente l’uomo, anche in provincia di Arezzo, aveva adottato la stessa condotta.
Pertanto, l’uomo è stato sanzionato sia per aver violato il divieto di spostamento tra regioni senza comprovate esigenze sia per avere usurpato il titolo di medico e nei suoi confronti è stato avviato procedimento per sottoporlo alla misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio dal Comune di Pescara.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: