roseto riapre

Come già accaduto a livello nazionale, dove Giorgia Meloni ha dimostrato in molteplici occasioni la sua vicinanza alle drammatiche condizioni del mondo ristorativo, Fratelli d’Italia è tornata a difendere pubblicamente la categoria in occasione dell’iniziativa #ROSETORIAPRE.
Questo quanto dichiara Francesco Di Giuseppe coordinatore comunale di Fratelli d’Italia in una nota inviata alla redazione di TgRoseto.it.

“Oggi tantissimi ristoratori Rosetani hanno scelto di riaprire le proprie attività rispettando tutti i protocolli di sicurezza stabiliti dal governo. Rivendicano il loro diritto di lavorare, di continuare a percepire una fonte di reddito, di fornire sostentamento alle loro famiglie: non vogliono fallire e dopo mesi di chiusura forzata vogliono tornare alla loro occupazion.
La categoria è stata massacrata dalle scelte di Governo, in particolare del fallimentare ministro Speranza, e non hanno avuto adeguati incentivi e non sanno più come continuare a combattere la crisi.
Non è più tollerabile utilizzare ristoranti, bar e palestre come capri espiatori, non possono pagare loro l’incapacità del governo di far rispettare i protocolli di sicurezza.
Oltre all’attività dei nostri deputati e senatori, anche a livello territoriale sia regionale, che provinciale che comunale Fratelli d’Italia si farà promotore di mozioni per chiedere la riapertura, in sicurezza, di tutte le attività commerciali.

Interviene a sostegno della protesta anche Ivano Ortelli responsabile regionale del Dipartimento Turismo di Fratelli d’Italia, queste le sue parole: “Il Governo non può imporre chiusure per così tanto tempo senza nemmeno stanziare ristori sufficienti per pagare almeno le spese correnti, è tempo di dire basta o si riconoscono rimborsi pari al 75% del fatturato relativo allo stesso periodo del 2019, oppure lo Stato consente di riaprire nel rispetto dei protocolli.
Non c’è una terza via, la situazione è sempre più insostenibile, alle porte c’è la seconda stagione turistica che partirà, non si sa ancora quando, già compromessa e che imporrà agli operatori ulteriori sforzi e sacrifici senza poter fare affidamento su alcuna tutela, ma dovendo subire le restrizioni insensate volute dal Governo; questo andrebbe ad incidere in maniera ancor più gravosa in una Città come la nostra a chiara vocazione turistica con ricadute inevitabili su tutto l’indotto.
Il turismo a pari degli altri settori produttivi, necessita di programmazione e non di improvvisazione”.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.