Roseto, Panthers batte Latina 49-67

panthers roseto

Quando il gioco si fa duro, le pantere cominciano a giocare. E fin quando il gioco è reso duro da qualità tecniche e agonistiche delle avversarie, come quelle ottimamente messe in campo dalla Bull , non c’è nulla da dire. Quando invece c’è una zona del palasport in cui cade copiosamente dell’acqua, mettendo a serio rischio l’incolumità di tutte le atlete in campo (più volte scivolate, per fortuna senza conseguenze), il gioco più che duro diventa irregolare. La migliore notizia di ieri, prima ancora dell’importante vittoria per 49-67 (la quarta in altrettante uscite di campionato delle Panthers targate ARAN Cucine) è che nessuna si sia fatta male. Pontine comprese, naturalmente.

Tornando al campo, Roseto ha dato un importantissimo segnale di forza: dopo due settimane senza giocare, con Schena e Di Giandomenico out ma finalmente con Camilla Mingardo abile e arruolata, e in attesa di far debuttare la croata Nives Dzafic, quella di Latina era una trasferta decisamente insidiosa. A maggior ragione dopo l’arrembante avvio della Essetre Bull Basket, subito pimpante dall’arco ed a rimbalzo offensivo: un po’ di ruggine iniziale, complice il freddo polare del PalaRisaliti, porta Roseto subito sotto di 9, ma una tonica Lucente (top scorer di serata con 16 punti) tiene lì la sua squadra che resta a contatto sul -4 della prima sirena.

Le ARAN Cucine carburano col passare dei minuti su entrambe le metà campo, pur soffrendo le iniziative di Costa e Bambini, due delle opzioni più pericolose nella formazione di gran lunga più competitiva tra quelle affrontate finora. Ma quando c’è da lottare, queste ragazze non si tirano mai indietro: Roseto chiude il primo tempo sul -2 ed è brava ad alzare il suo livello proprio quando il tono dei contatti sale in maniera esponenziale, al cospetto di un duo arbitrale che ha sicuramente conosciuto serate migliori: le ormai solite Azzola e Zanetti, ma anche i primi squilli stagionali di una Mingardo già fondamentale sui due lati del campo, portano le ospiti in doppia cifra di vantaggio al tramonto del terzo quarto.

Ed è il break decisivo, perchè Latina perde la bussola e Roseto continua a martellare, con Duran Calvette che pur nella sua serata meno produttiva in attacco tira fuori l’highlight di serata con crossover più assist da capogiro che infiocchetta la tripla di De Vettor: è la giocata che chiude la partita, anche mentalmente. Per la quarta volta di fila le ragazze dirette da coach Orlando chiudono in abbondante doppia cifra di vantaggio, per la terza volta su quattro tengono le proprie avversarie sotto quota 50. Ma l’impressione è che il meglio debba ancora venire. Nel frattempo, appuntamento a mercoledì sera per recuperare la partita contro Aprilia: si gioca alle 20:30 al PalaMaggetti.

BULL BASKET LATINA-ARAN CUCINE PANTHERS ROSETO 49-67 (15-11; 30-28; 39-49)
LATINA: Mauriello, Triveri 7, Nulli, Barile 2, Zanier, Conte 2, Costa 15, Salvucci 7, Ghion, Busetto, Bambini 16. Coach: Schiesaro
ROSETO: Duran 8, Mingardo 8, Lucente 16, Zanetti 9, Albanese 11, Azzola 13, Montelpare 1, De Vettor 3, Schena, Marini 3, Demojana, Polimene. Coach: Orlando

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.