Roseto, tavolo delle politiche giovanili

giovani

Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale è stato approvato il regolamento per l’istituzione del Tavolo delle Politiche Giovanili, uno strumento molto atteso dalla collettività, in particolare dai ragazzi rosetani, che permetterà un maggiore “avvicinamento” dei giovani alla vita amministrativa della città.
Il tavolo di lavoro e di confronto sarà composto da 18 ragazzi di cui 10 saranno indicati dai consiglieri di maggioranza, 6 da quelli di opposizione e 2 saranno espressione degli istituti superiori cittadini, ovvero il “Saffo” e il “Moretti”.
Inoltre, grazie all’approvazione dello statuto, avvenuta nel corso del Consiglio Comunale del 30 dicembre, il Tavolo delle Politiche Giovanili potrà essere immediatamente operativo e mettersi quindi al lavoro per portare avanti istanze, progetti e proposte proprie nell’interesse dei ragazzi rosetani.

Dichiara il primo cittadino Mario Nugnes:
“Si tratta di uno strumento molto importante che avevamo annunciato nel corso dei mesi di campagna elettorale e aveva ricevuto grandi apprezzamenti da parte dei nostri giovani che avevano dimostrato, da subito, grande voglia di partecipare, di far sentire la propria voce, di proporre le proprie idee, la propria visione per il futuro di Roseto.
L’auspicio è che il tavolo possa entrare quanto prima in funzione diventando “megafono” delle idee dei nostri ragazzi: parte nostra siamo pronti ad ascoltarli ed a progettare insieme a loro la Roseto di domani.

Sottolinea il Consigliere con delega alle Politiche Giovanili Christian Gabriele Aceto, primo firmatario della proposta istitutiva del Tavolo:
“Grazie all’istituzione del tavolo avremo finalmente la possibilità di instaurare un canale di dialogo e comunicazione diretta tra i ragazzi rosetani e l’Amministrazione rosetana con l’obiettivo di far sentire sempre più forte la voce dei nostri giovani”

Spiega Mattia Narcisi del Gruppo U.N.D.E.R. Nuove Energie per Roseto
“E’ stato emozionante vedere molti consiglieri comunali intervenire durante la discussione dello statuto che è stato poi approvato con un solo voto contrario e un astenuto ci conforta e ci fa ben sperare l’interesse di tanti amministratori verso il tema delle politiche giovanili, un importante segnale al quale, auspichiamo, faccia seguito una fattiva collaborazione tra maggioranza e opposizione”.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.