Roseto, William Di Marco ha rassegnato le sue dimissioni

roseto degli abruzzi

A il consigliere comunale William Di Marco, candidato alle ultime amministrative alla carica di sindaco della città, per la coalizione del centrodestra, si è dimesso dalla sua carica.
La notizia è stata data durante una conferenza stampa tenutasi presso l’Hotel Liberty di Roseto degli Abruzzi.
Nella riunione William Di Marco ha comunicato la sua decisione dovuta principalmente alla bocciatura della mozione che ha presentato circa il recupero del patrimonio culturale di Roseto degli Abruzzi e firmata dal gruppo “Identità culturale rosetana”.
Nella sua lettera ha elencato altre problematiche che lo hanno condotto a questa sua scelta.
A questo punto scorrendo tra le file dei papabili, nel suo schieramento, troviamo il primo degli eletti che risponde al nome dell’onorevole Giuseppe Bellachioma in carica attualmente in parlamento. Scorrendo la lista gli altri nomi ci sono: Ermanno Di Loreto, Simona Cardinale e Filiberto Di Giuseppe, tutti appartenenti alla lista della Lega.
Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa a firma di William Di Marco.

“Agli Ill.mi Sindaco dott. Mario Nugnes Presidente del Consiglio avv. Gabriella Recchiuti Segretario Generale dott.ssa Raffaella D’Egidio del Comune di Roseto degli Abruzzi (TE) Oggetto: Rassegnazione delle dimissioni del consigliere William Di Marco.
L’esperienza politica maturata in questi mesi in seno al Consiglio comunale ha fatto maturare (agli appartenenti al gruppo di Identità Culturale Rosetana e a me personalmente) l’idea che alcuni aspetti trovino poco apprezzamento in ambito amministrativo e all’interno dell’assise civica stessa. Come fattore fondamentale che emerge è la mancanza di considerazione che si ha della cultura e di come questa vada strutturata a livello organizzativo. Il rimando al passato non significa solo avere un riferimento con le nostre origini e acquisire allo stesso tempo contezza delle nostre radici, ma soprattutto programmare il futuro sociale (della comunità), individuando negli insegnamenti dei patres la strada da percorrere negli anni a venire. L’identità di un popolo, di una collettività si costruisce attraverso una serie di tasselli documentali che lasciano traccia di un percorso identificativo che non può essere perso. La cultura sembra essere l’ultima delle preoccupazioni di questa Amministrazione, così poco sensibile ai lasciti, abbandonati all’incuria e all’oblio. Una città che non pone al centro la parola cultura nella sua realizzazione più completa (che non sono gli eventi in sé, ma la struttura organica della tracciabilità storica, i riferimenti sociali, lo sport, il turismo), corre il rischio di imboccare la strada dell’astrattezza, del vuoto identitario e formativo. Se a tutto questo si aggiunge la mancanza a Roseto di un teatro, di un cinema, di un centro di aggregazione giovanile, di una pinacoteca, di una sala riunione com’era quella della Villa Comunale, di un’Arena 4 Palme come centro ricreativo e sede di un museo dedicato allo sport, di un teatro all’aperto, di un progetto organico per le Scuole Superiori e di un piano di recupero dei borghi storici e altro ancora, si intuisce che la situazione è drammaticamente preoccupante e programmare da subito dovrebbe essere il primo tassello per non sprofondare nel baratro. Invece la scelta da parte di questa maggioranza di bocciare nel Consiglio del 18 febbraio scorso la mozione sui lasciti e su un progetto logistico articolato fa capire quale sarà il tracciato che si sta per imboccare, il cui declino culturale sembra inevitabile. Occorre, dunque, un gesto politico forte, molto sofferto come le dimissioni, ma al contempo capace di far riflettere questa Amministrazione, la politica in generale e soprattutto la cittadinanza, che purtroppo guarda sconsolata andare verso la deriva un patrimonio storico, librario e monumentale di prima grandezza. Questa maggioranza, sin dalle prime scelte, ha dimostrato di chiudersi a riccio, di non voler collaborare con le altre forze politiche, sociali e imprenditoriali (vedasi come è nata l’imposta di soggiorno, senza confronto con le parti in causa) e la tanto decantata condivisione è risultata una parola senza senso. Che possano, invece, queste dimissioni (come riportato in oggetto) far cambiare rotta a una politica che per il momento ha espresso in seno alla maggioranza molte contraddizioni, di cose promesse durante le passate consiliature e che oggi sono diventate l’opposto di ciò che si è dichiarato. Identità Culturale Rosetana è nata con uno scopo ben preciso che è facilmente individuabile nel nome. Continueremo a fare politica di tipo sociale, ci occuperemo sempre con più forza della cultura e della microstoria dei luoghi, ci impegneremo nella formazione di tutte quelle persone che oggi sono molto distanti dalla politica perché la considerano incoerente e piena di contraddizioni; saremo sempre logici e consequenziali nelle scelte che faremo. Le dimissioni sono un gesto di discontinuità per far capire meglio la nostra diversità e la nostra voglia di metterci sempre in discussione. Pertanto vista l’intenzione del gruppo e mia di dare un segnale di valenza inequivocabilmente politica, rassegno le dimissioni a partire dalla data odierna come Consigliere comunale e ovviamente capogruppo di Identità Culturale Rosetana. Augurando a tutto il Consiglio, all’Amministrazione, al Sindaco e al Presidente del Consiglio un cambio di marcia e un ripensamento su delle scelte già fatte, porgo cordialità nei saluti”.

William Di Marco Consigliere comunale
(Capogruppo di Identità Culturale Rosetana)

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.