Chieti, arrestata coppia di trentenni per coltivazione stupefacenti

polizia

Gli agenti della Squadra Volante della Polizia di Stato di hanno arrestato una coppia di trentenni per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. I due giovani, domiciliati in un’abitazione di Chieti Scalo, ma residenti fuori regione, sono stati visti litigare animatamente nel cortile di casa, richiamando l’attenzione dei passanti che hanno avvisato il 113. Gli agenti intervenuti sul posto hanno trovato la coppia all’esterno dell’abitazione che si era già calmata ed aveva dichiarato di aver litigato per futili motivi. I poliziotti hanno chiesto loro di accedere in casa per meglio spiegare la situazione, ma la riluttanza dei giovani a far accedere la polizia ha insospettito gli agenti. Nell’aria infatti si sentiva un forte odore di marijuana, quindi i poliziotti hanno sottoposto a perquisizione l’abitazione ed hanno trovato in una stanza una serra con tre piante di marijuana alte più di un metro. La serra era attrezzata con lampade alogene, ventilatori, termometro per il controllo del microclima e quant’altro potesse consentire un’ottima coltivazione dello stupefacente. Sono stati rinvenuti anche tre barattoli con la sostanza stupefacente raccolta ed essiccata per un peso netto di circa 125 grammi, denaro contante per 420 euro e diversi telefoni cellulari.
La coppia è stata posta agli arresti domiciliari nella loro abitazione in attesa dell’udienza di convalida e il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.