Roseto, gregge di pecore adiacente Scuola Maria Schiazza

roseto pecore

Riportiamo il contenuto di una nota a firma di Francesco Di Giuseppe capogruppo di FDI in consiglio comunale.
“Durante le comunicazioni preliminari del consiglio comunale del 30 dicembre portammo all’attenzione del sindaco e dell’amministrazione tutta il problema segnalatoci dai residenti della zona nord di Roseto che lamentavano da diverso tempo la permanenza, anche nelle ore notturne, di un gregge di pecore nel campo adiacente la scuola Schiazza.
A nulla valsero le nostre sollecitazioni ad intervenire e nei giorni scorsi il gregge, nuovamente insediatosi in quel luogo, è stato attaccato da un branco di lupi lasciando sul campo diverse pecore e agnellini morti sgozzati o sbranati.
I residenti, oltre ad assistere al macabro evento, dopo aver allertato le forze di polizia hanno dovuto insistere non poco affinché il privato smaltisse le carcasse, cosa poi avvenuta anche in maniera parziale e oggi sono comprensibilmente spaventati dal possibile ritorno del branco di lupi che, come sappiamo, è un animale territoriale attirato li dalla presenza degli ovini”.

Nella nota anche l’intervento di Attilio Dezi responsabile provinciale del dipartimento Ambiente e Paesaggio di FDI, queste le sue parole:
“Il problema è serio e non più rinviabile, la presenza del gregge in un’area residenziale, densamente popolata, ha risvolti gravi per quanto riguarda la sicurezza: non sono stati pochi i casi in cui cani di grossa taglia a guardia del gregge hanno attaccato cani e animali d’affezione dei residenti in zona, per non parlare dei rischi dal punto di vista igienico-sanitario aggravati dalla vicinanza col plesso scolastico”.
La nota stampa si conclude con le seguenti parole: “Fratelli d’Italia chiede nuovamente e urgentemente l’intervento del Sindaco e l’applicazione del regolamento di polizia rurale che è molto chiaro al riguardo”.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.