L’Aquila, si è dimesso il sindaco Pierluigi Biondi

pierluigi biondi

In una conferenza stampa convocata a Palazzo Fibbioni, il sindaco dimissionario ha spiegato le ragioni di questo gesto.
Presenti, fra il pubblico, l’assessore Carla Mannetti, il neo vicesindaco Daniele e il presidente del consiglio comunale Roberto Tinari.
Queste le parole di Biondi: “C’è bisogno di una giunta e di un consiglio comunale in grado di aiutare ed indirizzare, senza pregiudizi e senza giochi di posizionamento. Seppure fanno parte della dialettica politica e seppure siano utilizzabili come elemento di rappresentazione delle istanze, generano cattive interpretazioni nella cittadinanza, che vive ancora molti problemi e che non comprende appieno certe questioni e vorrebbe uno stile diverso ed una sobrietà istituzionale diversa.
La cosa più importante è garantire la sopravvivenza al Comune dell’Aquila in condizioni dignitose: ed oggi, senza i fondi per il bilancio da parte del Governo non siamo in grado di garantire i servizi.
Non sono disposto né a mettere le mani nelle tasche delle imprese e delle famiglie aquilane – perché il mancato trasferimento di queste somme provocherà innalzamento delle tasse e taglio dei servizi – né a fare l’esattore per conto terzi. Se non arrivano questi fondi farò fare questo lavoro ad un commissario. Non farò fare passerelle ai politici, non aumenterò le tasse. Uscito da qui, firmerò le mie dimissioni”.

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.