Teramo, presentazione libro sulla cucina teramana

Libro Cucina Teramana Rino Faranda
Libro Cucina Teramana Rino Faranda

Venerdì 29 marzo, alle ore 18 nella Sala Polifunzionale in Via Comi 10 a , si terrà la presentazione del libro “La Cucina Teramana. Dagli appunti di Rino Faranda”, a cura di Claudio D’Archivio edito da Ricerche&Redazioni. Interverranno, insieme con il curatore del volume, Edoardo Cipriani e Alessandra Gasparroni, che hanno firmato due interessanti contributi pubblicati nel volume.

A moderare l’incontro sarà il giornalista Sandro Galantini. Il volume, stampato su carta naturale avoriata di pregio, raccoglie 121 ricette della più antica tradizione gastronomica teramana provenienti dagli appunti di Rino Faranda (Messina 1922-Ortona 2002), filologo, docente di Latino e Greco nel Liceo classico “M. Delfico” di Teramo, saggista, traduttore, narratore e fine conoscitore della cucina teramana.

Faranda ci ha lasciato un patrimonio straordinario fatto di sapienza e conoscenze, a cui questo volume intende rendere omaggio. Solo alcune delle prelibatezze della vera cucina teramana qui raccontate nelle loro ricette più tradizionali: fegatini, coratella, quajata, ventricina, maccheroni alla chitarra, timballo, ravioli, patellette, fregnacce, scrippelle ’mbusse, virtù, fracchiata, granitti, tacchino alla canzanese, capra alla neretese, mazzarelle, ciffi e ciaffe, agnello cacio e ova, pecora alla callara, arrosticini, ’ndocca ’ndocca, nnuje, musilli, trippa, formaggio fritto, baccalà, fuje strascinite, tiella, pizza rustica, pastuccia, pizza dolce, pizza cola, caggionetti, neole, uccelletti, pepatelli, spumini, torroncini, bocconotti…

Partner del progetto editoriale Ricerche&Redazioni, il Gruppo Medico D’Archivio, che da anni si distingue nel panorama abruzzese per l’intelligente e costante azione di mecenatismo culturale. La bellissima illustrazione in copertina è di Fabrizio Lucchese.

Di Massimo Di Giacinto

Articolista da più di vent’anni. Ha collaborato con diverse testate cartacee e on-line. Ha fondato uno dei primi siti di informazione sul web e una delle prime Web TV in Italia. È appassionato di fotografia, giornalismo, informatica, tecnologia e di tutte le nuove forme di comunicazione.