Teramo, balletto il barbiere di Siviglia

barbiere di Siviglia

Uno, dieci, cento Figaro in azione nel Barbiere di Siviglia di Monica Casadei in scena a Teramo
L’attesa per uno dei balletti più attesi della stagione è terminata: venerdì 14 febbraio alle 21 al Teatro Comunale di Teramo nella Stagione di Danza di ACS Abruzzo e Molise Circuito Spettacolo in scena il balletto d’azione “Il Barbiere di Siviglia”, ideato e coreografato da Monica Casadei in scena i danzatori della Compagnia Artemis Danza in collaborazione con AMAT e Comune di Pesaro  in collaborazione con Rossini Opera Festival. Artemis Danza affronta uno dei titoli più celebri di Gioacchino Rossini.
Nella lettura di Monica Casadei, Figaro è il prototipo dell’uomo di successo nel mondo di oggi, inguainato in rigorosi abiti manageriali, l’eroe rossiniano diventa l’emblema di chi riesce a soddisfare con efficacia, vivacità e savoir faire le aspettative di una società che impone ogni giorno di raggiungere i propri obiettivi ottimizzando tempi ed energie. Figaro diventa allora il problem solver, indispensabile e ricercatissimo proprio perché capace di agire in maniera versatile e poliedrica, con scaltrezza, classe e intelligenza. In ogni situazione il barbiere di oggi è l’individuo multitasking per eccellenza, con la sua mobilità intellettuale, l’abilità nel trovare sempre il giusto argomento di conversazione, l’astuzia nel generare incontri fra le persone e, soprattutto, di piegare ogni cosa a proprio vantaggio. Sul piano coreografico, il personaggio di Figaro si moltiplica nei corpi dell’intera compagnia, dove, senza distinzioni di gender, gli interpreti agiscono con la determinazione, l’energia e il rigore di una squadra speciale: tonici, grintosi e iper-concentrati, la loro danza manipola il tempo e lo spazio senza tregua, tesse e scioglie in continuazione una rete infinita di cambi di direzioni, incroci di traiettorie e intarsi di movimenti.

Luciano Di Giulio

Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.