L’Aquila, Corneli richiama Marsilio e il centrodestra alla responsabilità

corneli 5
corneli 5

L’onorevole Valentina Corneli con una lettera richiama i politici regionali abruzzesi del centrodestra alle proprie responsabilità. Di seguito pubblichiamo il contenuto della sua nota.


“Marsilio e tutto il centrodestra continuano a mettere in imbarazzo e in difficoltà la nostra Regione. Ricordate i 1000 euro che sarebbero stati regalati agli abruzzesi “con un semplice click”, e poi la legge anti-crisi che avrebbe salvato le imprese abruzzesi “abbandonate dal Governo”?
Questi erano i loro slogan, ripetuti per settimane, al solo scopo di gettare fango sul Governo.
Noi del , tuttavia, non ci siamo mai messi al loro livello.
I nostri consiglieri regionali hanno continuato a fornire il loro apporto costruttivo per cercare di salvare il salvabile e hanno alzato i toni solo quando davvero non se ne poteva più, come nel caso degli inspiegabili ritardi della cassa integrazione o nel caso dei vergognosi aumenti di stipendi in piena emergenza.
Ma, con il tempo, l’incompetenza e la malafede che caratterizzano il loro operato vengono comunque a galla.
Ieri il Governo è stato costretto ad impugnare la legge abruzzese recante “Misure straordinarie ed urgenti per l’economia e l’occupazione connesse all’emergenza epidemiologica da Covid 19” poiché incostituzionale, in quanto priva di coperture.
Allora vorrei per l’ultima volta richiamare questi politici alla responsabilità, a maggior ragione ora che stiamo affrontando la peggiore crisi mondiale di tutti i tempi, in quanto il loro comportamento è davvero inaccettabile, e non può essere tollerato che siano sempre gli abruzzesi che il partito di Giorgia Meloni ha preso per un bancomat, a dover pagare per la sua volgare, scriteriata e perenne campagna elettorale”.

On.le Valentina Corneli

Di Luciano Di Giulio

Direttore responsabile di questa testata, esperto musicale e veterano giornalista della provincia di Teramo. Iscritto dal lontano 1992, all'Albo dei Giornalisti d'Abruzzo, nell'elenco dei pubblicisti. Ha diretto diversi progetti editoriali e ha partecipato alla realizzazione di diverse pubblicazioni librarie.