16 Giugno 2024
Politica Abruzzo

Roseto, Prospettiva Roseto, tre domande al sindaco

sindaco roseto

“Abbiamo letto cose incredibili, che voi umani nemmeno potete immaginare!”. In effetti, in questi ultimi giorni i rosetani possono dirlo forte perché ne hanno lette davvero tante da parte dell’amministrazione PD e del Sindaco Di Girolamo.
Abbiamo letto l’annuncio, per il quarto anno consecutivo, dei lavori per il pontile (e che ricordiamolo, semmai ci saranno, riguarderanno solo la parte del consolidamento inferiore e della messa in sicurezza…).
Abbiamo letto di un costituendo tavolo turistico rimandato a settembre e che dovrà dare indirizzo alla stagione estiva 2021, la prima di nuova e altra amministrazione (!).
Abbiamo letto di interventi per contrastare gli allagamenti, tra i quali diversi annunciati nella primavera 2019.
Abbiamo letto su comunicati ufficiali dell’ente, dell’eliminazione totale di Via Rubicone (!!!).
Abbiamo letto addirittura che le vetture parcheggiate “anche alla rinfusa” sono segno di vitalità e speranza per il turismo (e, aggiungiamo noi, per le laute multe che l’ente incasserebbe…).
Abbiamo letto degli assordanti silenzi della propria parte politica, dopo l’annuncio della ricandidatura del Sindaco uscente Di Girolamo.
Abbiamo letto, sopratutto, in un orgasmico slancio di positività elettorale del loquacissimo Sindaco Di Girolamo, numeri incredibili: milioni di euro di indebitamento ridotto, risparmi corposi con nuovi uffici interni, denari messi addirittura “da parte” per pagare soccombenze legali e tanti, tanti soldi di riscossioni coatte dal 2017.

Ecco fermiamoci qui, su questo ultimo punto. Perché non vogliamo ricordare le bronzee dimenticanze come la madre oggettiva di tutti gli indebitamenti: quella degli oltre 35 milioni di euro, contratti con lo scialacquare mutui e debiti per opere pubbliche dell’amministrazione Di Bonaventura, nella quale Di Girolamo era parte politica attiva in giunta nel quinquennio 2006/2011…. e non vogliamo nemmeno ricordare quello che accadde a qualche altra amministrazione alla fine del 2011 con l’avvento del governo Monti e le conseguenti sciabolate di bilancio imposte.

Vogliamo solo fare qualche domanda. Porre ufficialmente domande al Sindaco Di Girolamo per completare il suo enunciato sui numeri di bilancio, in particolare riferimento alla tronfia dichiarazione dei “500mila euro di riscossione coatta dal 2017 nei confronti dei cittadini e delle imprese”:

1-Gentile Sindaco, potrebbe favorire pubblicamente i numeri di quanti cittadini si sono opposti dal 2017 alle cartelle di pagamento presso le opportune sedi delle Commissioni Tributarie Provinciali e Regionali?
2-Gentile Sindaco, potrebbe favorire pubblicamente l’ammontare totale delle contestazioni in sospeso e già passate in giudicato presso gli organi competenti dal 2017?
3-Gentile Sindaco potrebbe enunciarci quanto è costato complessivamente dal 2017 l’obbligo di rispondere alla chiamata in causa dei cittadini?

Non per strumentale polemica politica, ma per avere giusta contezza e immediato paragone su quanto di eccezionalmente buono lei ritenga sia stato fatto sul fronte dei numeri. Non vorremmo scoprir sorprese rimanendo turlupinati”

Civica PROSPETTIVA ROSETO 2026

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie