17 Giugno 2024
Cronaca Abruzzo

Teramo, lettera ai giovani scritta dal Vescovo Leuzzi

Ospitiamo e pubblichiamo la Lettera ai giovani della diocesi , per il mese di maggio 2024, scritta da Sua Eccellenza Monsignor Lorenzo Leuzzi.

Cari giovani,
tra pochi giorni saremo a Siena per festeggiare Santa Caterina, compatrona d'Italia e d‘Europa.
L'invito ad essere a Siena mi ha molto sorpreso!
Conoscevo poco la vita di Santa Caterina, al di là di alcuni eventi storici di portata internazionale.
Una donna che ha vissutoil suo tempo!
È la testimonianza più bella che possiamo ricevere. Essere nel tempo e non fuori dal tempo.
Molti esperti ci ricordano che tutti noi rischiamo di vivere in un tempo virtuale.
Pensando a Santa Caterina, in questi giorni è ritornato nella mia mente unsuggerimentoche ascoltavo quando ero studente: vivere con i piedi per terra!
Cari giovani,
credo che sia l'esperienza più difficile e più impegnativa che ci accompagna ogni giorno e che facciamo fatica ad accogliere. Tutti vorremmo rispondere positivamente. Ma quanta paura!
La scelta davanti a noi è una sola: nascondere la domanda o rischiare iniziando a conoscere la propria vita?
La mia vita ha delle coordinate ben precise, nel tempo e nello spazio.
Chi mi garantisce che queste sono sufficienti per progettare la mia vita ed essere pienamente realizzato?
Caterina da Siena era una donna che, nella sua semplicità, non ha avuto paura del suo tempo perché aveva scoperto che con i suoi talenti poteva essere qualcuno.
Il mondo virtuale ci porta via dal tempo e dallo spazio e ci proietta in un mondo che non è più il nostro.
Da dove partire per imparare a conoscermi?
Caterina ci dà un consiglio: guarda il Crocifisso!
Solo Lui ci riporta nel tempo e nello spazio perché ci conosce e, soprattutto, è risorto per accompagnarci nel cammino di vita che siamo chiamati a percorrere.
Avere i piedi per terra!
Caterina era una mistica, una donna di preghiera eppure si preoccupava delle vicende umane del suo tempo e dedicava la sua vita a servire i fratelli, nelle piccole comunità o in quelle internazionali.
Ma può una donna che prega avere un ruolo nella storia?
Questo è il grande messaggio che vorrei affidare a voi: se incontri il Risorto sarai sempre protagonista, nelle piccole come nelle grandi esperienze.
Papa Francesco due domeniche fa, prima della preghiera del Regina Coeli ci ha ricordato che il valore di ciascuno non è nel successo!
C'è il successo del mondo virtuale che ci illude e delude e c'è il successo, silenzioso e inaspettato, che ci incoraggia a proseguire nel nostro cammino.
Con i piedi per terra!
Cari amici,
scopriamo la data del nostro Battesimo: quel giorno è iniziata un'esperienza piena di vita. Forse non sempre ne siamo consapevoli!
Vi auguro di scoprire il dono che abbiamo ricevuto e, come avvenne per Caterina, essere nel tempo e nello spazio con fiducia: possiamo costruire un mondo migliore.
Vi aspetto al Santuario di San Gabriele per il nostro appuntamento annuale della Veglia mariana internazionale, Sabato 11 maggio.
Vostro, Lorenzo, vescovo

APPUNTAMENTI:
Verso il Giubileo 2025
“pellegrini di speranza”
SABATO 11 MAGGIO ORE 15.30
VEGLIA MARIANA INTERNAZIONALE DEI GIOVANI
Santuario di S. Gabriele dell'Addolorata –

Vuoi ricevere le notifiche da TG Roseto? Accetto No grazie