Facebook e Social network, età minima: 14 anni

I governi dell’Unione, insieme con l’Europarlamento, hanno stabilito di portare a 14 anni il limite per il libero accesso al mondo di Mark Zuckerberg, (facebook) e altri social network assai come Snapchat, Instagram, Gmail.
 Si tratta del recepimento nazionale di un regolamento europeo, con cui l’Italia decide che nel nostro paese l’età minima per l’iscrizione di un minore sia pari a 14 anni.
L’annuncio avviene sul sito del Garante per la Protezione dei Dati Personali, ove viene semplicemente descritto il percorso della normativa entrata ufficialmente in vigore:
Decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101  che adegua il Codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196) alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679.

 Questo è quanto previsto dal regolamento entrato in vigore a seguito del D.L. 10 agosto 2018, n.101: […] il minore che ha compiuto i quattordici anni può esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali in relazione all’offerta diretta di servizi della società dell’informazione.
Con riguardo a tali servizi, il trattamento dei dati personali del minore di età inferiore a quattordici anni, fondato sull’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), del Regolamento, è lecito a condizione che sia prestato da chi esercita la responsabilità genitoriale.

Inoltre: In relazione all’offerta diretta ai minori dei servizi di cui al comma 1, il titolare del trattamento redige con linguaggio particolarmente chiaro e semplice, conciso ed esaustivo, facilmente accessibile e comprensibile dal minore, al fine di rendere significativo il consenso prestato da quest’ultimo, le informazioni e le comunicazioni relative al trattamento che lo riguardi.

Insomma: i ragazzi dai 14 anni in su dovranno avere a disposizione documentazione sufficientemente semplice da poter prendere reale consapevolezza dei dati che stanno liberamente fornendo al social network e degli usi che ne verranno fatti (qualunque cosa possa voler dire la parola “consapevolezza” a 14 anni); al di sotto dei 14 anni, invece, sarà necessaria anche una esplicita autorizzazione da parte dei genitori.

Di Massimo Di Giacinto

Articolista da più di vent’anni. Ha collaborato con diverse testate cartacee e on-line. Ha fondato uno dei primi siti di informazione sul web e una delle prime Web TV in Italia. È appassionato di fotografia, giornalismo, informatica, tecnologia e di tutte le nuove forme di comunicazione.